‘Rebellion Day 1’ – Protesta dell’ Extinction Rebellion’ presso il Rockefeller Center a New York ( Gennaio 2019)

Traduzione Nogeoingegneria

La via dei Rockefeller: Il piano nascosto della famiglia sui “Cambiamenti climatici”

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato uno dei principali sostenitori del programma di riscaldamento globale. … Nella loro recensione del Programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando il suo forte sostegno sia per la formazione nel 1988 dell’International Panel on Climate Change (IPCC), sia per l’istituzione nel 1992 della U.N. Framework Convention on Climate Change” (estratto dal rapporto)

Il seguente testo è il riassunto esecutivo di un rapporto completo dell’istituto legale per l’energia e l’ambiente pubblicato nel 2016.

Questo rapporto informativo è portato all’attenzione dei lettori del Global Research. Il CRG non approva necessariamente nè il titolo né i contenuti di questo rapporto.

Ciò che è importante, tuttavia, è riconoscere il ruolo della famiglia Rockefeller – che storicamente era l’architetto di “Big Oil” – nel sostenere il dibattito sui cambiamenti climatici, così come il finanziamento di scienziati, ambientalisti e ONG coinvolti nell’attivismo di base contro “Big Oil” e l’industria dei combustibili fossili.

Il dibattito sul clima mondiale è di cruciale importanza. Ma chi controlla quel dibattito?

Esiste un’evidente relazione contraddittoria: considerando che “Big Oil” è l’obiettivo dell’attivismo del riscaldamento globale, “Big Oil” attraverso la famiglia Rockefeller ei Rockefeller Brothers Trust finanziano generosamente il movimento di protesta mondiale per il clima. Chiediti perché?

Michel Chossudovsky, Global Research, Maggio 2019 FONTE

 RAPPORTO INTEGRALE

 

 

Nuovo rapporto espone ruolo della dinastia dei Rockefeller nella truffa sul “clima”

Di Alex Newman

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel gennaio 2017.

Una dinastia bancaria e petrolifera incredibilmente ricca ha dirottato governi, organi dei media, università, organizzazioni no-profit e altri centri di potere per espandere il controllo sull’economia, particolarmente sul settore energetico, secondo un’indagine recentemente pubblicata da una commissione di vigilanza governativa. Quella dinastia, ovviamente, è la famiglia Rockefeller. In sostanza, hanno ampiamente creato, finanziato e armato ciò che è noto come il movimento “verde” come mezzo per espandere il loro impero negli ultimi tre decenni “, ha rilevato il rapporto.

Con il pretesto di combattere il presunto “riscaldamento globale provocato dall’uomo”, la famiglia Rockefeller con i suoi miliardi hanno finanziato tutto, dal giornalismo “climatico” (propaganda), ai politici agli “accademici”, a “indagini” politicamente motivate di aziende di energia a organizzazioni senza scopo di lucro da parte di funzionari governativi. Anche il miliardario radicale George Soros ha contribuito a finanziare gli sforzi, secondo il rapporto della vigilanza dell’ Energy and Environment Legal Institute (E & E Legal) Washington DC intitolato The Rockefeller Way: The Family’s Covert “Climate Change” Plan 

L’obiettivo dei miliardari, secondo il rapporto, era quello di schiacciare l’industria del petrolio e del gas, usando il potere del governo scelto come arma, per ottenere in ultima analisi ancora una volta un maggiore controllo sul settore energetico. “Non sorprende che i Rockefeller abbiano pesantemente investito nelle energie rinnovabili”, spiega il rapporto, offrendo esempi. Ma i Rockefeller non sono nuovi nelle macchinazioni subdole per guadagnare quote di mercato. Usando tattiche estremamente losche, il rapporto informa come John D. Rockefeller Sr., il patriarca fondatore della dinastia dei Rockefeller, acquisì dal 1880 un monopolio virtuale nel settore energetico degli Stati Uniti (ndr Standard Oil) – almeno fino a quando il governo federale non l’hanno suddiviso in società più piccole.

Tuttavia, i Rockefeller non andarono mai da nessuna parte, usando la loro enorme ricchezza per accumulare in tutta la società enormi quantità di potere. E oggi la loro agenda è certamente più vergognosa della semplice ricerca avida di un dominio totale nel mercato dell’energia. In effetti, la dinastia dei Rockefeller e i suoi alleati hanno una lunga tradizione nel promuovere la tirannia e il globalismo usando qualunque pretesto possa essere più conveniente, sia che si tratti dell’ambiente o di qualsiasi altra cosa. Il rapporto di E & E Legal, un gruppo ambientalista orientato al mercato, offre un ottimo servizio evidenziando parte della storia della lussuria sfrenata della dinastia dei Rockefeller per il potere e il controllo.

Uno dei principali attori coinvolti nell’ultima fase della truffa, sia che lo fosse o meno, era il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman. Prendendo in considerazione la propaganda finanziata da Rockefeller mascherata da “giornalismo” secondo cui la Exxon sapeva che il “riscaldamento globale” prodotto dall’uomo era presumibilmente reale, il procuratore generale dello Stato si unì ai procuratori principali di altri stati per lanciare le “AGs United for Clean Power”.

Come riportato da The New American e altre fonti, la coalizione radicale dei pubblici ministeri ha immediatamente iniziato a perseguire gruppi non-profit in quello che i critici hanno definito un bizzarro attacco alla libertà di parola, alla ricerca scientifica, alla giurisprudenza americana e al buon senso. I critici ed esperti legali hanno fatto saltare il gruppo di Schneiderman come una “associazione a delinquere” per privare gli americani dei loro diritti.

Questo schema ebbe la sua genesi nell’estate del 2012, quando due gruppi di allarmisti climatici finanziati dal Rockefeller si riunirono in California. Lì, le pedine e i servi dei Rockefeller, inclusi i principali allarmisti “climatici”, hanno tracciato il modo migliore per demonizzare le compagnie energetiche.

“Durante l’incontro, i principali attivisti del clima hanno elaborato una strategia per colpire simultaneamente ExxonMobil attraverso il sistema di giustizia criminale e i media nazionali”, spiega il rapporto, sottolineando che gli strumenti concordati per perseguire quel programma includevano lo Schneiderman di New York e la scuola del “Giornalismo” della Columbia, in bella parte dominata dai Rockefeller.

I Rockefeller avevano poi “insistito a lungo” con Schneiderman di investigare sulla Exxon, secondo quanto, ironia della sorte, un organo di propaganda del “clima” finanziato dai Rockefeller gestito da un seguace di Rockefeller noto come InsideClimate News.

Più avanti, nel gennaio del 2016, è avvenuto un incontro presso il quartier generale del Fondo Famiglia Rockefeller, che ha riunito alleanze chiave del clima per strategizzare gli hack politici. Era tutto organizzato e guidato dal direttore del fondo per la famiglia Rockefeller Lee Wasserman e da altri radicali statalisti. L’ordine del giorno dell’incontro segreto, secondo un memorandum ottenuto dal Washington Free Beacon, era di fare la guerra alle compagnie petrolifere.

Ciò sarebbe stato perseguito, tra le altre tattiche, producendo uno “scandalo” utilizzando un procuratore statale per ottenere documenti aziendali interni, spingendo per fare in modo che gli investitori lasciassero le compagnie petrolifere applicando la maggiore pressione politica possibile.

Ironicamente, tra gli obiettivi delineati in una nota ai partecipanti c’era di dipingere la Exxon nella mente del pubblico come “istituzione corrotta”, un tentativo di “delegittimare” l’azienda, e a guidare Exxon e il clima al centro delle elezioni del 2016 “. Non potevano certamente immaginare che la Exxon sarebbe stata davvero al centro delle elezioni del 2016 –  con Rex Tillerson della società CEO, ufficialmente nominato dal presidente eletto Donald Trump nel ruolo importante di Segretario di Stato .

Sfortunatamente per i realisti e scettici del clima tentati a ridere del piano fallito dei Rockefeller, Exxon e il suo capo hanno una lunga tradizione in propaganda di allarmismo climatico, promuovendo “soluzioni” ridicole e totalitarie al presunto “problema” delle emissioni di CO2 (“gas della vita”) e altro ancora.

Naturalmente, Exxon è in realtà un membro aziendale del pericoloso Council on Foreign Relations – un’istituzione globalista e statalista che spaccia l’allarmismo climatico e i piani delle Nazioni Unite, ed è intimamente legato alla dinastia dei Rockefeller.

In sostanza, il clan Rockefeller è la testa del serpente climatico. “La famiglia Rockefeller, la cui esperienza nel sostenere l’agenda sui cambiamenti climatici non ha rivali, conclude il rapporto E & E Legal, sembra aver orchestrato simultaneamente i media e gli assalti legali contro ExxonMobil”.

“Attraverso la loro influenza finanziaria, i Rockefeller hanno pianificato, coordinato e sussidiato gli sforzi della Columbia Journalism School e del Procuratore generale di New York Eric Schneiderman “. Ma il peggio potrebbe ancora venire se i fondi non saranno esposti e fermati.

L’abbattimento di ExxonMobil è l’inizio di uno sforzo ampio, diffuso e coordinato per affossare l’industria dei combustibili fossili negli Stati Uniti “, prosegue il rapporto, indicando le e-mail di Schneiderman e delle sue coorti che delineano uno schema per abusare del sistema della giustizia penale per “investigare” gli scienziati e i gruppi senza scopo di lucro secondo le leggi RICO antimafia. (I conservatori GW hanno notato che “sminuire” i presunti rischi del riscaldamento globale artificiale è “frode”, così stanno esagerando i presunti rischi. )

Questa violazione opprimente sulla libertà di espressione, costituzionalmente protetta, è senza precedenti, e dimostra fino a che punto si spinge il climate change movement per dar da bere la loro narrazione al popolo americano”, ha concluso E & E Legal.

“Quando si segue il denaro, le principali iniziative nel movimento verde riconducono sempre ai soliti sospetti: attivisti milionari come i Rockefeller che cercano il controllo del settore energetico”.

Secondo il rapporto, le ambizioni dei Rockefeller vanno però ben oltre l’energia. I membri della famiglia sono “intenzionati a controllare quasi tutte le principali istituzioni in America, usando la filantropia come mezzo per aumentare la loro influenza sulla scena mondiale con il pretesto di far avanzare varie cause sociali”, ha rilevato il rapporto. “L’accanita opposizione all’industria dei combustibili fossili che creava il primo miliardario americano John D. Rockefeller, mostra che i Rockefeller non sono ideologi politici. Invece, sono semplicemente opportunisti che sostengono la politica per fare leva sull’arena globale “.

In effetti, il rapporto rileva che attraverso la vasta rete di fondazioni, università e istituzioni familiari dei Rockefeller, nonché enormi donazioni ad altre organizzazioni di beneficenza, la dinastia ha”ottenuto un’influenza senza precedenti nella sanità, farmaceutica, agricoltura, energia e l’ambiente”.

E stanno usando questi piani per dirottare e strumentalizzare la politica e per trarne beneficio, poche eccezioni hanno preso pubblicamente le distanze dai più importanti capi dei Rockefeller.

“L’ integrazione altamente complessa dei fondi hedge, posizioni delle schede di interblocco (interlocking boards positions) e organizzazioni senza scopo di lucro ha indirizzato la politica pubblica su questi temi e ha fornito loro una conoscenza anticipata dei mercati emergenti e dell’accesso alle risorse naturali del mondo in via di sviluppo”, notando le impronte digitali Rockefeller dappertutto, dalle politiche statali e federali ai programmi di social-engineering delle Nazioni Unite come l’Agenda 21 .

Considerando le prove, ci possono essere pochi dubbi sul fatto che lo sfruttamento del presunto “riscaldamento globale” creato dall’uomo come giustificazione per il programma totalitario sia proprio questo – un pretesto per la tirannia e il goloso interesse personale mascherato da preoccupazioni ambientali da parte della cabala Rockefeller.

Anzi, persino durante l’isterismo screditato del man-made global-cooling degli anni ’70, quando il Lo Zar della Scienza di Obama John Holdren sosteneva che il raffreddamento globale avrebbe ucciso un miliardo di persone, il Fondo Rockefeller Brothers stava spingendo lo stesso identico programma anti-petrolio.

Per esempio nel rapporto del 1977 The Unfinished Agenda: The Citizen’s Policy Guide to Environmental Issues, l’organizzazione Rockefeller richiedeva, tra gli altri piani, più misure di controllo della popolazione, una “tassa progressivamente crescente sulla benzina ” E una “tassa simile “per essere applicata a tutti i combustibili fossili “. Piani simili sono stati promossi dalla dinastia sin da allora, anche se per loro è cambiata la giustificazione apparente .

Indipendentemente da ciò, il Rockefeller Family Fund ha a lungo fatto piovere la sua generosità su gruppi “ambientali” marginali per indirizzare la linea dell’Institute of Environmental Policy e la Friends of Earth Foundation, il Natural Resources Council (NRDC) e il Sierra Club Legal Defense Fund. La Fondazione Rockefeller ha anche donato al NRDC, all’  anti-human Population Council, al World Resources Institute e a innumerevoli altri gruppi “ambientali” che lavorano per incatenare l’umanità con il pretesto di “proteggere” l’ambiente”.

Giusto a partire dal 2000, le fondazioni dei Rockefeller hanno riversato decine di milioni di dollari a gruppi di attivisti “verdi”. Tra i beneficiari figurano Energy Foundation, la Tides Foundation, la New America Foundation, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Wildlife Conservation Society, il National Resources Defense Council, l’Alliance for Climate Protection, il Center for International Environmental Law, il Southern Environmental Law Center, e altri.(ndr non manca Greepeace)

Il rapporto del Senato A U. S. espone ciò che i legislatori descrivevano come il “Club dei miliardari” e il suo ruolo nel movimento “Verde” e rivela, tra le altre informazioni, che la Fondazione Rockefeller è tra i maggiori donatori di cause “ambientali” negli Stati Uniti. Gran parte del denaro viene convogliato attraverso compagnie losche, come la Fondazione per l’Energia, facendo piovere denaro miliardario dei lobbisti su ignari attivisti verdi e utili idioti, nascondendo al tempo stesso l’ origine dei fondi. I gruppi che hanno beneficiato secondo il rapporto includono l’American Lung Association, la Blue Green Alliance, la Environmental Defense Fund, la League of Conservation Voters, la NDRC, il Sierra Club, l’Union of Concerned Scientists e altri.

Un altro finanziere chiave dell’ inganno verde è stato Soros, un protetto del inimmaginabilmente ricchi dinastia dei Rothschild, che ha ammesso in tv di non avere alcun senso di colpa per aver aituato i nazionalsocialisti (nazisti) a rubare la proprietà ebraica .

Attraverso le sue “Open Society Fondation,” Soros ha versato miliardi a gruppi “verdi” come Aspen Institute, Defenders of Wildlife, Earthjustice, Green for All, the New America Foundation, Presidential Climate Action Project, the Tides Foundation, ClimateWorks Foundation, the Global Green Grants Fund, the NDRC e altri ancora. Soros finanziò anche la carriera politica di Schneiderman, la vergognosa New York AG riceveva da Soros più di qualsiasi altro politico nello stato.

Ma le presunte preoccupazioni di Rockefeller riguardo all “ambiente” sono quasi certamente uno stratagemma che nasconde motivazioni più sinistre. La vera agenda è l’umanità, meno libertà e un sistema di governance globalista. Infatti, l’estremista miliardario David Rockefeller, attuale patriarca della dinastia, (ndr deceduto nel 2017) ha rivelato i suoi colori totalitari in più occasioni. Per esempio, nel suo libro di memorie autobiografiche del 2002, si vanta di essere un cospiratore che lavora contro l’America in favore di un sistema mondiale.

Alcuni credono che facciamo [i Rockefeller] parte di una cabala segreta che manovra contro gli interessi degli Stati Uniti, che caratterizza la mia famiglia e me come internazionalisti e di cospirare con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata –  un one-world system, se si vuole,” spiega Rockefeller nel suo libro. “Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole, e sono orgoglioso di esserlo.”

Prima ancora, ha espresso elogi sulla dittatura più sanguinaria che affliggeva l’umanità in tutta la storia documentata. “Qualunque sia il prezzo della rivoluzione cinese, è ovviamente riuscita non solo a produrre l’amministrazione più efficiente e dedicata, ma anche a promuovere un alto morale e uno scopo comunitario”, ha affermato Rockefeller in un articolo del 1973 del New York Times sulla rivoluzione di uno psicopatico che aveva assassinato decine di milioni di persone a sangue freddo. “L’esperimento sociale in Cina sotto la guida del presidente Mao è uno dei più importanti e meglio riusciti nella storia umana”.

Non è  una sorpresa che gli allarmisti climatici sono d’accordo .

Il regista di Hollywood, Aaron Russo, amico di lunga data di Nick Rockefeller, ha quindi rivelato cosa stava facendo la dinastia. Dopo essere stato invitato da Rockefeller a unirsi al Council on Foreign Relations, Russo ha rifiutato. Russo ha detto che Rockefeller gli aveva detto: “L’obiettivo finale è quello di far tracciare tutti, di controllare l’intera società, di controllare il mondo delle banche e l’élite”.

Russo ha detto che Rockefeller gli aveva detto che voleva monitorare e controllare tutti sul pianeta.

Come cittadini americani, i Rockefeller hanno un diritto costituzionalmente garantito di parlare liberamente, persino di promuovere idee stravaganti, assurde, pericolose, mortali e totalitarie per arricchire se stessi. Tuttavia, i media “mainstream” hanno anche il dovere di esporre le macchinazioni totalitarie della dinastia, e finora hanno fallito miseramente.

Intanto, i membri della classe politica hanno giurato di difendere la Costituzione, che vieta espressamente che gran parte dell’agenda totalitaria dei Rockefeller sia attuata.

Con la teoria del riscaldamento globale antropico che implode dopo un decenni senza riscaldamento e lancia le uova sui sostenitori della teoria, è ora che gli americani, e forse persino il Congresso, diano un’occhiata più da vicino alla macchina Rockefeller

Oltre alla truffa “clima”, i Rockefeller hanno finanziato di tutto, dalla eugenetica razzisti e l’aborto alla dumbing deliberata verso il basso del popolo americano attraverso la cosiddetta “educazione”. E ‘tempo che la luce brilli sulle loro macchinazioni.

Articoli correlati vedi FONTE 

VEDI ANCHE

PERCHÉ I ROCKEFELLER CERCANO DI DISTRUGGERE GLI AGRICOLTORI ?

DAL CONTROLLO DEL CIBO AL CONTROLLO DEL MONDO

LA STORIA OSCURA DIETRO IL GLOBAL WARMING ALIAS CAMBIAMENTO CLIMATICO

ROCKEFELLER SI FACEVA L’ARCA DI NOÈ. COSA CI NASCONDE?

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.