SHIHO TANAKA ARTWORKS

Presto condiremo (we will salt) gli oceani, la terra e il cielo con un numero incalcolabile di sensori invisibili agli occhi, ma visibili l’uno all’altro e ad una varietà di dispositivi di raccolta dati. I vasti flussi di dati sempre più accurati si combinano e interagiscono per produrre cache sempre più significativi di conoscenza” (1).

Esther Dyson, figlia di Freeman Dyson

 

L’Internet delle Cose è solo un pit stop sulla strada verso lo Smart Dust

Traduzione di NoGeoingegneria

Nel corso del prossimo decennio o due ci si può aspettare di vedere computer di uso generale, sensori e reti wireless, il tutto infagottato in sensori su scala millimetrica, a fluttuare nelle correnti d’aria intorno a noi.

Siccome i processori diventano più veloci e più piccoli, ci sembra di raggiungere un punto di svolta, il nostro progresso tecnologico ci permette di fare qualcosa che non era veramente possibile finora, o almeno non era praticabile. Abbiamo visto i primi computer grandi come una stanza dare il cambio a quelli che stavano sotto la scrivania. Con il tempo anche quelli cedettero il posto a lastre di alluminio e vetro che portiamo in giro nelle borse, e poi computer che si adattano alle nostre tasche, ed è successo di poter pure effettuare telefonate.

Conosciuta come la legge di Bell (ndt: vedi nota 2), questa proposizione è intimamente intrecciata con la ben nota legge di Moore (vedi nota 2)Ma mentre la legge di Moore  sta per morire, la legge di Bell, almeno per un ultimo giro di ruota, sembra ancora valida.

Potresti pensare che il cambiamento di cui sto parlando è l’arrivo del tanto strombazzato Internet delle Cose, ma i dispositivi collegati che vediamo oggi sono davvero solo i primi passi maldestri verso qualcos’altro. Sono una tecnologia di transizione.

Nel corso del prossimo decennio o forse due, ci si può aspettare di vedere – il computer di uso generale, sensori e reti wireless – il tutto infagottato in sensori su scala millimetrica fluttuare nelle correnti d’aria intorno a noi. La polvere intorno a noi diventerà presto intelligente.

Se pensi che questo sia solo una fantasia tecnologica, non lo è. Come ha detto William Gibson “Il futuro è già qui – è soltanto non ancora distribuito in modo molto uniforme“ (ndr rosso+grassetto aggiunto). Il Michigan Micro Mote, il  più piccolo computer al mondo, che misura solo un paio di millimetri, è attualmente disponibile in tre tipologie in grado di misurare la temperatura, la pressione, o di prendere immagini.

Dispositivi collegati sono una tecnologia di transizione. 

Naturalmente, l’idea non è nuova. Kris Pister dell’Università di Berkeley ha coniato il termine “Smart Dust„ (polvere intelligente) a metà degli anni novanta come parte di un progetto di ricerca della DARPA, concludendo: “Programmeremo le pareti e i mobili, e un giorno anche gli insetti e la polvere”.

Se guardiamo in avanti nel tempo in cui tutto sarà smart, e tutto sarà collegato in rete, quando il computing sarà diffuso nel nostro ambiente, la mole di dati scaricati non sarà più una figura retorica ma una dichiarazione letterale. Esisteranno i dati in un alone di dispositivi che vi circonda (ndr e vi entra?) , con il compito di fornire un supporto sensoriale di calcolo ad ogni vostro passo. Calcolando costantemente, consultantandosi tra di loro, prevedono, anticipano le vostre esigenze. Sarete circondati da una rete di sensori distribuiti, di informatica e dati.

Siamo al punto limite del calcolo dove “non un solo passero cadrà” (ndr: tutto supercontrollatoe inevitabilmente le architetture e i protocolli dei dispositivi connessi dell’Internet delle cose di oggi influenzeranno le emergenti architetture delle polveri intelligenti pesantemente nella stessa maniera in cui i protocolli e architetture dell’altro Internet, quello digitale, ha influenzato l’Internet delle cose.

La vera domanda quindi è: chi avrà accesso ai sensori, alla potenza di calcolo e ai datiche essi generano. Che le architetture per la rete delle polveri intelligenti siano peer-to-peer e rendono tale potenza di calcolo e di rilevamento a disposizione di singoli individui, o che siano architetture di rete che centralizzeranno comando-controllo in poche mani.

La diffusione del computing nell’ambiente significherà non solo che la potenza di calcolo è sempre disponibile, ma che questa potenza di calcolo offre la possibilità di un monitoraggio e di una sorveglianza continua. Se pensate ai tipi di informazioni che oggi approssimiamo e determiniamo tramite il polling e il campionamento, facendo poi un calcolo, in futuro non dovremo calcolare, ma misureremo.

La prospettiva di polveri intelligenti  mostra gli argomenti intorno all’Internet delle cose in una prospettiva dura. Mostra la terrificante, piu che preoccupante, mancanza di interesse intorno alla  sicurezza delle nostre cose .

Quello che a molte persone manca nell’Internet delle cose è certo questo, di poter collegare un sacco di cose a Internet (ndr: ma siamo proprio sicuri che manca a tanti?). Ma non si tratta di questo. La prospettiva di  polvere intelligente rende evidente, l’Internet delle cose non tratta di  collegare le persone alle cose , o cose a Internet; si tratta di creare sistemi informatici e rilevamento in ogni dove.

Abbiamo bisogno di costruire e progettare le nostre cose per questo, perché è quello che si sta avvicinando. Più veloce di quanto si possa pensare.

FONTE https://motherboard.vice.com/en_us/article/kb7x5n/the-internet-of-things-is-just-a-pit-stop-on-the-way-to- intelligente – polvere

NOTE

(1)  http://www.thefiscaltimes.com/Articles/2013/01/10/How-Youre-Shaping-the-Future-Through-Big-Data#sthash.ugyAxzxF.dpuf

(2) Quando i cosiddetti minicomputer apparvero per la prima volta nel 1970, soppiantarono i mainframe sia per le dimensioni che per il prezzo, secondo quanto enunciato dalla Legge di Bell, cioè che circa ogni 10 anni sarebbe comparsa una nuova classe di computer più economici e piccoli. I personal computer, i notebook, gli smartphone ed infine i tablet sono stati la conferma di quanto profetizzato da Bell con la sua legge; per non parlare dell’ultima novità presentata all’ISSCC di San Francisco, un monitor a pressione computerizzata nell’occhio dalla dimensione di pochi millimetri. (vedi qui  https://it.emcelettronica.com/legge-di-bell-dai-mainframe-ai-millicomputer-cambiamento-ogni-10-anni/9 ) 

(3) Tra pochi anni, dopo più di mezzo secolo di la famosa legge di Moore” andrà in pensione.
A breve questa storica legge non avrà più validità e il paradigma dell’informatica, ma anche della nostra società, che si fonda sulle informazioni, cambierà per sempre. (leggi qui 
http://www.centodieci.it/2017/01/legge-moore-non-piu-valida/)

Risultati immagini per SMART DUST IN ARRIVO: I SENSORI CHE TRACCIANO TUTTO, OVUNQUE

 

Future of IoT will be ‘smart dust’, says Cambridge Consultants

NEWS ‘La vendetta di Moore’ è alle porte e renderà il mondo strano. Quando tutto è intelligente, il potenziale per gli errori stupidi diventa enorme

SLIDESHOW SMART DUST https://www.slideshare.net/nayakotivenkatesh/smart-dust-using-mems

VIETNAM ANNI SESSANTA

These tiny machines sense their environment, perform basic data processing and communicate with each other—to serve medical, industrial and military purposes.

Better sensors airdropped over the Ho Chi Minh Trail—capable of detecting motion, sound, metal and even smell—guided the massive U.S. air campaign against North Vietnamese supply lines. https://medium.com/war-is-boring/smart-dust-is-getting-smarter-4b062abd7769 But these sensors were huge in comparison to what’s possible now. 

VEDI ANCHE

ECCO LA POLVERE CHE SPIA

FULL IMMERSION: DAL 2020 LA RIVOLUZIONE DEL 5G PASSERÀ PER I SATELLITI

2025 THE FUTURE OF WAR-  GUERRA FUTURA  (Dennis Bushnell – NASA

LO SMART DUST E IL CONTROLLO GLOBALE

L’INTRANET UMANA: QUANDO I CHIP SARANNO ALL’INTERNO DEL NOSTRO CORPO

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.