disney tempo7

Film science-factual: fulmini artificiali, droni e satelliti per il controllo del tempo meteorologico    

Articolo di NoGeoingegneria

Walt Disney è stato senza ombra di dubbio per decenni un punto di riferimento nella vita di bambini e genitori, educatore in veste di figura rassicurante per un vastissimo pubblico di piccoli e grandi. Negli anni quaranta ricevette fondi federali e durante la seconda guerra mondiale fu incaricato di produrre film di propaganda e di addestramento militare.

Disney aveva una grande fede in un futuro super-tecnologizzato (1) e lo mostrò in un film del 1945, prodotto dalla Westinghouse Electric:The Dawn of Better Living(L’alba di una vita migliore). Da questa sua visione di un mondo migliore è nata Tomorrowland, aperta nel 1955 a Disneyland e vetrina per sponsor come: Monsanto Company, American Motors, Richfield Oil, Boy Olandese Vernice ed altri. Monsanto creò diverse attrazioni a Tomorrowland, per esempio nel 1957 una House of the Future completamente di plastica, con clima controllato e cibo cotto a microonde. La “casa del futuro” anni cinquanta anticipa la casa domotica o “intelligente”, funzionante tramite pulsanti. Ma la ingegnerizzazione raggiunse orizzonti ben più ampi di quelli di una casa temperata a comando. L’obiettivo ambizioso era la terra da “far funzionare meglio” e Disney fu portavoce e promotore. La svolta è avvenuta negli anni cinquanta. Partì una roadmap indirizzata verso la conquista dello spazio. Osserviamo una impressionante accelerazione verso la Full-spectrum Dominance planetaria. Il controllo dell’atmosfera era meta cruciale, controllo meteo compreso.

Lyndon B. Johnson nel 1958 promise:

«Dallo spazio riusciremo a controllare il clima sulla terra, a provocare alluvioni e carestie, a invertire la circolazione negli oceani e far crescere il livello dei mari, a cambiare la rotta della corrente del Golfo e rendere gelidi i climi temperati».

1959: la Walt Disney Film promuove i satelliti militari e il controllo meteo.

“Eyes in Outer Space”, filmato prodotto da Walt Disney nel 1959, promosse satellitari militari e controllo meteorologico. La pellicola fece parte di una serie di cortometraggi, tra cui “Uomo Nello Spazio”, “Man And The Moon”, “Mars e Oltre”, “Il Nostro Amico Atomo” (film “rieducativo”- l’energia nucleare diventa buona).”Eyes in Outer Space” fu prodotto in collaborazione con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Il film utilizzò musica e animazione per dare un’idea sul futuro uso della tecnologia satellitare coordinata con altri strumenti (dispersione di sostanze e lampi) per modificare meteo e clima.

fulmini disney

Il video apre con una sequenza minacciosa di calamità naturali: inondazioni, uragani, tornado, tempeste di fulmini, case e città distrutte. Ed ecco la bacchetta magica! Walt Disney propaganda l’intervento della “difesa” e la modificazione delle forze della natura risulta la promessa per un futuro più sicuro.

Considerando l’anno 1959, la grafica Disney ritrae in modo strabiliante e convincente un mondo di satelliti e armi spaziali come parte di un sistema globale di controllo militare delle condizioni meteorologiche.

E’ stata progettata in quel periodo una serie di satelliti meteo che consentirebbe all’esercito americano di tracciare e prevedere modelli climatici per pianificare in anticipo attacchi coordinati contro nefasti fenomeni naturali previsti. Il filmato“science-factual” di artisti, animatori e registi della Disney illustra meravigliosamente una visione della potenzialità dell’arma meteo(VEDI QUI).

Tra il 1951 e 1953 il 10% della superficie terrestre degli Stati Uniti era diventato il bersaglio di nuvole inseminate artificialmente. Ma anche in Australia, Francia, Italia, Sudafrica…erano state avviate sperimentazioni per creare, o impedire, pioggia, neve, grandine, nebbie ed influenzare le correnti (3).

La prima ed intensa applicazione bellica delle manipolazioni meteorologi che fu durante la guerra in Vietnam.

Dr. Werner von Braun, capo del programma spaziale degli Stati Uniti in quel periodo, previde che l’uomo fosse presto in grado di controllare il tempo al punto che il Sole avrebbe brillato tutto il giorno e la pioggia solo di notte, se questo fosse stato voluto.

“Eyes in Outer Space” è un capolavoro dell’ arte della persuasione da una parte (3) ma anche un’ illustrazione formidabile di una realtà occultata ancora oggi. Fu Disney a etichettare il suo lavoro SCIENCE FACTUAL. Avrà avuto le sue buone ragioni. Era un uomo che la sapeva lunga e vide lontano.

Che accidenti è un factual?  chiede il Fatto Quotidiano, e risponde:

Dunque, mettiamola così. Si possono definire factual tutti quei programmi che raccontano la realtà (più o meno) così com’è, senza filtri, senza artifici, senza regole manipolatorie (4).

Particolarmente istruttiva è la parte dal minuto 15.50.

Buona visione!

“Eyes in Outer Space 1959”

 

Riferimenti:

(1) L’Experimental Prototype Community of Tomorrow (“Prototipo sperimentale di comunità del futuro”), spesso abbreviato in EPCOT, è un’utopica città del futuro pianificata da Walt Disney a partire dagli anni sessanta, sei anni prima della sua morte, avvenuta nel 1966.

Disney sembrava molto influenzato da Aldous Huxley e il suo “Brave New World” uscito nel 1932.

Walt Disney’s original E.P.C.O.T film (1966) HD FULL VERSION

https://www.youtube.com/watch?v=sLCHg9mUBag

VEDI IL NOSTRO ARCHIVIO


Laser giganti nello spazio per controllare il clima

Fulmini a comando con il laser

Meteotron crea le nuvole e guida i fulmini

Il meteo come moltiplicatore di forza: possedere il tempo nel 2025

L’Italia e la geoingegneria

Dallo spazio riusciremo a controllare il clima sulla terra, provocare alluvioni e carestie”

Quando il cielo si tinge di verde…

Progetto Stormfury

Il Progetto GARP

PIOGGE ARTIFICIALI IN ITALIA DAL 1947

LA TECNOLOGIA C’E’, LA CONOSCENZA C’E’: TERREMOTI E TSUNAMI SI POSSONO CREARE

UNA COSPIRAZIONE MONOLITICA E SPIETATA

(3) VEDI ANCHE:

LA FABBRICA DEI SOGNI – I PERSUASORI OCCULTI!

(4)Tv, altro che reality: è boom del ‘factual’, il genere che racconta la realtà senza filtri

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.