Gli attacchi cibernetici e gli attentati jihadisti potrebbero avere dei legami “ben definiti”. A crederlo è Cytegic, una società israeliana di cyber intelligence e sicurezza informatica, che ha diffuso un report in cui ha preso in analisi attacchi terroristici e le attività di cyber terrorismo che precedono e seguono quegli attacchi (1).  Da più parti si inizia a chiedere di affidare la sicurezza europea ad Israele. Il Foglio: “L’Europa chieda a Netanyahu di commissariare la nostra sicurezza…Date al premier israeliano le chiavi dell’Ue, chiedete ai Tusk e compagnia varia di astenersi per qualche mese dal mettere bocca sulla sicurezza del continente…” (2). Anche L’Unità sponsorizza il «modello Israele» e chiede: “Siamo pronti??” (3).  Il mondo è da tempo pronto ad affidare la ‘sicurezza’ ad Israele e lo ha già fatto. 

Articolo del 2007

Israele “sorveglierà” l’arsenale nucleare USA 

Scritto da Michael Collins Piper  Fonte: pressante [scheda fonte] 

I sostenitori di Israele in America sono stati felici di apprendere che una compagnia israeliana – la Magal Security Systems, parzialmente di proprietà del governo israeliano – è ora a capo della sicurezza delle principali installazioni di difesa nucleare e dei magazzini per lo stoccaggio degli armamenti degli Stati Uniti.
La Magal, oggi la più grande azienda del mondo nel settore della sicurezza, aveva iniziato come divisione della Israeli Aircraft Industries (IAI) che era controllata in parte dal governo di Israele. Tuttavia, negli ultimi anni, la Magal…è diventata una compagnia a capitale pubblico, benché la IAI (e quindi il governo israeliano) detenga ancora una quota consistente delle azioni di questa azienda di grande successo.  Questo vuol dire che il governo israeliano avrà di fatto il controllo sulla sicurezza delle armi nucleari americane.
I sostenitori di Israele diranno che questa è una splendida idea, poiché si dice che Israele sia il migliore alleato dell’America sulla faccia del pianeta. Tuttavia esistono alcuni criticoni a cui non sembra opportuno che la sicurezza del super-sensibile arsenale nucleare americano sia nelle mani di una nazione straniera, soprattutto Israele il quale, a tutt’oggi, continua a negare ufficialmente di essere impegnato nella fabbricazione di armi nucleari.
Comunque sia, gli interessi globali della Magal sono piuttosto variegati. Dopo aver garantito la sicurezza del 90% dei confini israeliani, attraverso un sistema a largo raggio di tecnologia ultramoderna, la Magal si è ramificata a livello internazionale.
Non solo la Magal si occupa della sicurezza delle installazioni nucleari americane, ma svolge lo stesso compito per la gran parte delle installazioni nucleari dell’Europa Occidentale e dell’Asia. Inoltre, l’azienda israeliana garantisce la sicurezza dell’aeroporto O’Hare di Chicago e negli ultimi quindici anni ha fornito i sistemi di sicurezza per il celebre Buckingham Palace londinese, residenza della regina Elisabetta. In più, la Magal fornisce apparati di sicurezza al 90% delle carceri americane dotate di sistemi elettronici. La Magal si vanta che i suoi clienti in giro per il mondo gli hanno appaltato: confini, aeroporti, siti industriali, centri di comunicazione, installazioni militari, centri di detenzione, agenzie governative, proprietà e residenze dei VIP, edifici commerciali e magazzini di stoccaggio.


Non esiste grande paese o grande azienda che non abbia qualche specialista della Magal che tiene d’occhio le sue attività.


Ovviamente la Magal non è una piccola azienda. Se il 27% del suo fatturato è sul mercato israeliano, il suo più ampio mercato è quello americano, che corrisponde attualmente al 35% delle sue vendite.
Tuttavia, si prevede che la presenza della Magal in America sia in procinto di estendersi, visto che l’azienda ha aperto una sede a Washington, DC, che servirà a promuovere i suoi prodotti presso le agenzie federali e i membri del Congresso che sovrintendono al finanziamento dei progetti di sicurezza a supervisione federale ad ogni livello: locale, statale e nazionale.
E poiché l’attuale capo della Homeland Security americana, Michael Chertoff, è non solo un incallito sostenitore di Israele, ma anche figlio di una donna che con Israele ha forti legami – compreso un impiego presso la El Al, la compagnia aerea israeliana – la Magal, parzialmente di proprietà delle Israeli Aircraft Industries, sarà chiaramente favorita dagli appaltatori di Washington, che hanno il potere di assegnare lucrosi contratti per la sicurezza. (ndr infatti è avvenuto –Magal Receives Homeland Security Orders )
Attualmente la Magal possiede quattro consociate negli Stati Uniti: due in California, la Stellar Security Products, Inc. e la Perimeter Products Inc., una con sede a New York, la Smart Interactive Systems, Inc., infine la Dominion Wireless, Inc. con sede in Virginia.
A conti fatti, l’azienda israeliana controlla il 40% del mercato mondiale dei sistemi di rilevamento di violazione perimetrale e sta lavorando per espandere le proprie attività nel settore della protezione degli oleodotti.
Si dice che la Magal sia anche interessata alla sorveglianza dei corsi d’acqua di tutto il mondo e particolarmente degli Stati Uniti. In effetti, la Magal sta accarezzando l’idea di ottenere il monopolio della sorveglianza delle risorse idriche americane.  

Il 19 luglio l’Agenzia per la Protezione Ambientale dell’amministrazione Bush ha annunciato una partnership con il Ministero delle Infrastrutture israeliano per migliorare ciò che essi chiamano “la sicurezza del sistema di rifornimento idrico degli Stati Uniti e d’Israele”. Essendo la Magal così rinomata in Israele, si può facilmente immaginare che sarà lei a occuparsi della sorveglianza delle risorse idriche americane. (ndr grassetto nostro) 

U.S. Nuclear Weapons Being “Guarded” by Israel
Traduzione di Gianluca Freda    FONTE  http://ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=13790

 

CLIENTI DI MAGAL

The following clients have purchased security systems from Magal S3, its associated companies and / or partners. This list represents only a fraction of our installations. Due to the confidential nature of the security requirements of our customers, we cannot publish names and / or site locations.

U.S. Air Force Bases (22), USA

USA – Federal Reserve Bank

Department of Energy, USA

Houston Lighting & Power – South Texas Project, USA

Los Alamos National Laboratories and Sandia National Laboratories, USA

Louisiana Power & Light – Waterford 3 Nuclear Station, USA

Naval Reactor Facility, USA

New York Power Authority, USA

Niagara Mohawk Power Corp., USA

Omaha Public Power District, USA

Pennsylvania Power & Light, USA

Philadelphia Electric Co. – Peach Bottom Atomic Power Station, USA

Portland General Electric – Trojan Nuclear Plant, USA

Public Service Electric & Gas Co. Salem Nuclear Station, USA

Public Service of New Hampshire – Seabrook Station, USA

South Carolina Electric

Magal also helps provide ‘security’ to numerous nuclear installations throughout the world. What follows is an abbreviated list:

OPG Used Fuel Facilities, Canada

Pickering Nuclear Generation Station, Canada

Pickering Used Fuel Facility, Canada

Western Used Fuel Facility, Canada

Egyptian Nuclear Research Center, Egypt

HEW, Germany

KWU Nuclear Research Center, Germany

RWE, Germany

Vattenfall, Germany

BARC, India

Fukishima Nuclear Power Plant, Japan  

E ALTRO

PDF MAGAL SITI CLIENTI

 (Civil Airports, Civil Seaports,Utilities,Oil and Gas,Nuclear,Municipalities & Public Safety,Commercial & Industrial,Government,VIP Market,Roads, Bridges, Tunnels & Railways,Military,Banking,Borders)

 

 UN MONDO SICURO

FONTI  (1) http://formiche.net/2016/03/26/isis-tutti-gli-attacchi-hacker-dopo-le-stragi-di-bruxelles/ (2) http://www.ilfoglio.it/esteri/2016/03/24/leuropa-chieda-a-netanyahu-di-prendere-in-mano-la-nostra-sicurezza___1-v-139771-rubriche_c162.htm  (3) http://www.unita.tv/focus/siamo-pronti-al-modello-israele/

NEWS

“Contro gli assassini islamici non bastano più le preghiere” 

Salvini volerà in Israele. Per la prima volta guiderà una delegazione della Lega Nord nello stato ebraico. Intensa l’agenda della missione estera dell’eurodeputato del Carroccio. Concluderà la giornata una visita alla “Magal Security Systems Ltd”. 

What’s Magal Security Systems Ltd. (USA) Upside After Today’s Huge Increase?

Stock Caller – ‎22 mar 2016‎

The stock of Magal Security Systems Ltd. (USA) (NASDAQ:MAGS) is a huge mover today! The stock is up 2.74% or $0.13 after the news, hitting $4.98 per share. About 78,302 shares traded hands or 437.49% up from the average.Magal Security Systems Ltd.

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.