Esce finalmente, grazie a Asterios Editore, questa versione speciale del libro di Rosalie Bertell : PIANETA TERRA L’ULTIMA ARMA DI GUERRA. 

Rosalie Bertell traccia il quadro terribile degli esperimenti militari condotti da decenni che hanno danneggiato gli strati vitali dell’atmosfera e la biosfera nel suo insieme. Non incolpate il cambiamento climatico e la CO2 in caso di tempo impazzito e clima caotico.  Militari, corporazioni e governi hanno manipolato il meteo e il clima intenzionalmente per decenni e influenzato in svariati modi il tempo e il clima. 

 

I libri importanti sono rari, molto rari. Il libro di Rosalie Bertell “Pianeta Terra ultima arma di guerra” è una di queste rarità, come lo è stato “Primavera silenziosa” di Rachel Carson del 1962. La Bertell, eminente scienziata, esperta di radiazioni e vincitrice di premi scientifici internazionali importanti, è forse una delle poche persone al mondo che poteva scrivere questo libro. Come leader delle commissioni mediche sia per Bhopal che per Chernobyl, ha mostrato di saper portare alla luce i fatti nascosti sotto montagne di disinformazione. La Bertell traccia il quadro terribile degli esperimenti militari condotti da decenni che hanno danneggiato gli strati vitali dell’atmosfera e la biosfera nel suo insieme. Questi esperimenti il più delle volte sono eseguiti senza nemmeno discutere i rischi che comportano con gli esperti non militari e senza informare le popolazioni di volta in volta direttamente coinvolte.  Rosalie Bertell ha tolto molti veli e le sue rivelazioni lasciano sconcertati. Le armi ‘testate’ mettono in grave pericolo la Terra e la vita su di essa. Il libro parla di una realtà ignorata e/o nascosta.

La Bertell spiega anche le motivazioni di questi atti vandalici verso il pianeta: „Appare oggi chiaro che si può ‘pilotare’ la corrente a getto, definendo la linea di demarcazione fra aria calda e aria fredda nelle regioni geografiche; o manipolare le grandi correnti di vapore che spostano la pioggia dai tropici alle zone temperate, causando siccità o inondazioni. Gli episodi naturali di instabilità come monsoni, uragani, tornado, ecc. nell’atmosfera possono essere accentuati aggiungendo energia. L’iniezione di petrolio nelle placche tettoniche, o la creazione di vibrazioni artificiali con impulsi elettromagnetici può causare terremoti.“ 

Esiste la convenzione internazionale ENMOD del 1977 sul divieto di utilizzo di tecniche di modificazione ambientale per militari e altri fini ostili. La Convenzione si occupa di induzione artificiale di terremoti e tsunami, di modifica artificiale del tempo, del clima, di correnti oceaniche, dello strato di ozono e della ionosfera. Da allora, basta cambiare nome per continuare la devastazione. L’ambito militare se vuole fare cose le fa e non chiede il permesso a nessuno. Parola del Gen. Fabio Mini, testimone qualificato.  Pensate davvero che l’Artico si stia sciogliendo a causa della CO2? Oppure si tratta di una operazione di geoingegneria e per di più concordata tra URSS e USA nel lontano 1974? Il libro apre pagine estremamente inquietanti e ci fa capire, se non lo abbiamo ancora capito, che siamo ad un bivio e la presa di coscienza è una questione di sopravivenza per tutta l’Umanità. Viviamo in un nuovo tipo di guerra planetaria, scatenando quelle che all’apparenza sembrano calamità naturali. Gli elementi terra, acqua e aria, sono sotto attacco e di conseguenza lo sono anche le basi della nostra vita.
I nostri figli possono ancora sognare un futuro? Rischiamo di perdere la nostra unica casa, la Terra, l’unica che abbiamo. La versione italiana del libro di Rosalie Bertell riporta la parte essenziale del libro originale, oltre alle sue ultime interviste ed all’ultimo articolo dal titolo DISTRUGGERE LENTAMENTE IL NOSTRO PIANETA.

Puoi leggere le prime 70 pagine prima di aquistare

Dal 25.10.2018 nelle librerie

 

Le prefazioni del libro sono di Manlio Dinucci, Gustavo Esteva e Claudia von Werlhof

Il libro di Rosalie Bertell, che a prima vista può apparire fantascientifico, ci presenta un drammatico scenario, scientificamente fondato, che induce una riflessione generale sul rapporto uomo- ambiente.  

Manlio Dinucci

John Lennon ha detto bene … “la nostra società è guidata da persone folli per obiettivi folli, noi siamo guidati da maniaci per fini maniacali e sai… sono tutti pazzi. ma sono io che passo per pazzo perché lo dico. È questo che è folle.” aveva ragione allora e ha ragione adesso. siamo in un momento di pericolo. abbiamo bisogno di ascoltare la chiamata di allerta di Rosalie.

Gustavo Estava

…questo libro sulla distruzione che di fatto sta avvenendo del nostro pianeta, un fatto mostruoso, che in quanto tale avviene per la prima volta nella storia dopo essere stato reso tecnicamente possibile, deve suscitare una risposta. Questa dovrebbe consistere nel voltare pagina della nostra prospettiva, cioè nel guardare d’ora in avanti non più dal punto di vista dei nostri interessi ed esigenze umani e sociali, ma da quelli della Madre Terra. Perché lei ci ha fatto la promessa di renderci possibile la vita, una buona vita. E noi dobbiamo rispondere che anche noi in cambio ci prendiamo cura di lei, affinché la sua vita e la vita su di lei venga custodita, preservata, tutelata dalla distruzione e – laddove possibile – risanata. Quindi c’è molto, molto da fare. 

Claudia von Werlhof

 

ROSALIE BERTELL

Rosalie Bertell (1929-2012) – scienziata di origine statunitense-canadese, laureata in matematica, studiosa di biometria ed attivista ambientale – si addentra nell’analisi di recenti conflitti e disastri ambientali, messi in relazione tra loro: una relazione che è molto più stretta di quanto l’opinione pubblica immagini. Rosalie Bertell ha ricevuto nove lauree ad honorem e numerosi riconoscimenti, tra cui il Nobel Alternativo (Right Livelihood Award) che viene assegnato ogni anno a Stoccolma qualche giorno prima del Nobel. 

Scrive la Bertell: È mia opinione che i principali problemi causati al nostro Pianeta siano dovuti al nostro imperterrito affidamento all’attività militare. Le conseguenze immediate della guerra sono morte e distruzione, ma le conseguenze ambientali possono perdurare per centinaia, spesso migliaia di anni. E non è solo la guerra di per sé che mina la nostra sopravvivenza, ma anche la ricerca e lo sviluppo, le esercitazioni militari e le preparazioni per il combattimento che sono svolte quotidianamente in varie parti del mondo. La maggior parte di queste attività di preparazione alla guerra avvengono senza un effettivo beneficio per i civili e pertanto noi siamo inconsapevoli di quanto avviene nel nostro pianeta in nome della “sicurezza”

Riassumendo il suo lavoro decennale:

E’ il militarismo ad essere diventato un peso cruciale e devastante per il pianeta e per la società. Inquinamento, disastri ambientali e contributi stanziati per la ricerca militare sono frutto di una visione di valori distorta, in nome della ‘sicurezza’ . La Bertell conia un nuovo concetto di sicurezza, che definisce con il termine di “sicurezza ecologica” che porta in primo piano la cura del pianeta e dei suoi abitanti. Propone il ruolo dell’esercito dedicandosi alla protezione e difesa in forma nonviolento, dando assistenza in caso di crisi ecologiche, e impegnandosi in missioni di pace attraverso la diplomazia e il dialogo. Devono essere fatti forti investimenti di risorse finanziarie e umane in tale direzione. E’ necessario di sensibilizzare a tutti i livelli su questa visione nuovo per poter invertire la rotta.

Penso che la Terra sia un dono. La creazione è un dono. È qualcosa di bello e questo Pianeta è stato creato per viverci. Non vedo nessun senso nel volerlo distruggere, nel volerlo cambiare, nel volersene accaparrare delle parti. C’è più che abbastanza per tutti, se sappiamo condividere. E possiamo vivere bene senza tutte quelle cose che possediamo. Ma non c’è bisogno di tornare alle caverne! Siamo creature intelligenti, e io penso che possiamo far nostra una nuova coscienza, che ci aiuti a vivere in un modo diverso. Io spero che queste armi ci spaventeranno profondamente e tramite ciò arriveremo a comprendere quanto sia insensata e folle la guerra. E io penso, io spero, che impariamo a vivere insieme. Ama la varietà, godi della Terra, ama l’aria, ama l’acqua, condividi ogni cosa e gioisci di vivere su questo Pianeta.

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.