THE U.S. AIR FORCE’S SECRET X-37B SPACE PLANE: A WAR MACHINE?

X-37B, lo spazioplano dell’aeronautica militare Usa, è appena rientrato dallo spazio da una missione lunga e (al solito) misteriosa. Potrebbe avere messo in orbita satelliti in modo non proprio “regolare”

Anche in passato X-37B, lo spazioplano dell’U.S. Air Force, aveva affrontato missioni di durata lunghissima, da più di 700 giorni. Ma l’ultima, la quinta, l’ha visto fissare un nuovo record: ben 780 giorni in orbita attorno alla Terra. Le sue partenze e i suoi rientri sono sempre circondati da un alone di mistero e le dichiarazioni dell’aeronautica militare americana sugli obiettivi delle sue missioni e sul contenuto del suo vano di carico sono sempre vaghe. Si sa che il suo scopo è approfondire le conoscenze sui veicoli spaziali riutilizzabili e di eseguire non meglio specificati esperimenti per conto dell’USAF, l’aviazione americana. Ma questa volta c’è una novità.

 INFORMAZIONI CLASSIFICATE… MALE? Il dirigente dell’USAF Randy Walden ha dichiarato che fra gli obiettivi conseguiti nell’ultimo volo c’è la messa in orbita di alcuni (anche questa volta non meglio specificati) satelliti. Un fatto allarmante, secondo l’astronomo Jonathan McDowell che, in un tweet, ha fatto notare che questo dispiegamento non è stato comunicato (come invece previsto in questi casi) al registro degli oggetti lanciati nello spazio dell’ONU. Sarebbe la prima ammissione di trasgressione per gli Usa da quando questo registro è entrato in vigore nel 1962.

Nelle ultime quattro missioni è rimasto in orbita molto più a lungo dei 270 giorni per cui era stato progettato. | REUTERS/BOEING/VANDENBERG AIR FORCE BASE

Per quanto le informazioni su ciò che viene trasportato da X-37B siano limitate, forma e dimensioni dello spazioplano sono ben note: con appena 8,8 metri di lunghezza sembra uno Space Shuttle in miniatura.

 X-37B, tuttavia, non trasporta passeggeri umani. Di esso esistono almeno due esemplari, costruiti dalla Boeing, che assieme hanno totalizzato più di 2.800 giorni nello spazio.

 SOLO UN SOGNO? Come gli Space Shuttle, anche X-37B è un veicolo spaziale riutilizzabile. A oggi l’unico funzionante, ma ad aprile 2021 potrebbe avere la compagnia di Dream Chaser, in questo momento in costruzione presso i cantieri della Sierra Nevada Corporation. Quest’ultimo promette di portare nello spazio da 2 a 7 persone.

FONTE 

Gli Stati Uniti cercano di collegare il jet stealth F-35 al veicolo spaziale X-37B

Gli Stati Uniti cercano di collegare il jet stealth F-35 al veicolo spaziale X-37B

Il capo dello staff dell’Aeronautica generale, il generale David Goldfein, ha annunciato la scorsa settimana ai partecipanti dell’Air Force Association che gli sforzi del servizio per migliorare la trasmissione di informazioni tra membri del servizio e piattaforme potrebbero un giorno trascendere i confini della Terra.

Il lavoro più importante è quello di gettare le basi digitali – è un passo che non puoi saltare”, ha detto Goldfein mercoledì scorso, come riportato dalla rivista Air Force. “Se vuoi ottenere l’intelligenza artificiale, se vuoi far funzionare quella l’ipersonica, se vuoi andare nello spazio difendibile, se vuoi ottenere energia diretta dove deve andare, se vuoi andare nel quantum [informatica] , in realtà non puoi saltare i passaggi della costruzione dell’architettura digitale e far progredire l’architettura del cloud di dati comuni “.

Il generale David Kumashiro, direttore dell’integrazione delle forze armate dell’Aeronautica e vice capo dello staff per strategia, integrazione e requisiti, ha ampliato i commenti del capo dello staff in un evento di DefenseOne Outlook e ha osservato che i dati trasmessi tramite tale connessione sarebbero più che probabili essere utilizzato per migliorare gli sforzi di combattimento dell’aeronautica e la consapevolezza della situazione. Ha anche rivelato quali velivoli sono in attesa di considerazione iniziale.

Quando guardi qualcosa come un X-37 o un F-35 o F-22 … mentre perfezioniamo queste connessioni e mostriamo quel livello di interoperabilità che è resiliente, ridondante e affidabile, saremo quindi in grado di sviluppare quello che significa in termini di creazione di un effetto contro l’avversario”, ha riferito Kumashiro citato da Military.com.

Sebbene il programma X-37 sia attivo dal 1999, la NASA lo ha consegnato all’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa del Pentagono (DARPA) nel 2004.

 Non molto tempo dopo che il piano spaziale X-37A ha completato il suo primo volo di trasporto in cattività nel 2005, DARPA allora trasferì il progetto all’Air Force, che iniziò a sviluppare l’X-37B, che è l’ultima variante conosciuta fino ad oggi.

Sebbene molte informazioni relative al veicolo spaziale X-37B siano classificate, il 27 ottobre ha completato la sua quinta missione del veicolo di prova orbitale dopo aver trascorso un record di 780 giorni in orbita.

Dopo il suo atterraggio più recente, il programma dell’aereo spaziale ha trascorso in orbita 2.865 giorni, secondo l’Aeronautica.

Preston Dunlap, capo architetto dell’Aeronautica Militare, spiegò ulteriormente ai partecipanti dell’evento DefenceOne che la comunicazione tra l’X-37B e altri velivoli invisibili avrebbe permesso al servizio di vedere “un’immagine dello spazio e dell’aria, della superficie terrestre e del cyber”.

Puoi vedere un’immagine, puoi fare clic sulla nave, vedere dove è stata, dove sta viaggiando, cosa c’è sulla nave … e dobbiamo essere in grado di farla arrivare ai nostri jet da combattimento in un modo accessibile”, ha aggiunto.

Mentre l’Aeronautica cerca di integrare la comunicazione spaziale nei suoi sforzi di modernizzazione, la Cina ha fatto i suoi passi avanti nello sviluppo di un aereo spaziale e recentemente ha annunciato che il suo veicolo spaziale ha completato con successo un esperimento in galleria del vento.

Non è noto se il concetto di condivisione dei dati dell’Air Force includerà la US Space Force – un ramo di guerra spaziale proposto sotto l’amministrazione Trump che è separato dal comando spaziale dell’aeronautica statunitense e dal comando spaziale statunitense. FONTE 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.