Uno studio della Stanford University afferma che i lockdown, la permanenza forzata a casa e le chiusure aziendali non hanno “alcun effetto benefico chiaro e significativo” sulla crescita dei casi di Covid-19 e possono persino portare a infezioni più frequenti nelle case di cura.

I ricercatori della Stanford University in California miravano a valutare in che modo i rigidi blocchi influenzano la crescita delle infezioni rispetto a misure meno restrittive.

Hanno utilizzato dati provenienti da Inghilterra, Francia, Germania, Iran, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Corea del Sud, Svezia e Stati Uniti, raccolti durante le fasi iniziali della pandemia nella primavera del 2020. Hanno confrontato i dati di Svezia e Corea del Sud, due paesi che non hanno introdotto blocchi rigidi in quel momento, con quello degli altri otto paesi. 

Hanno scoperto che l’introduzione di eventuali interventi restrittivi non farmaceutici (NPI) come la riduzione dell’orario di lavoro, il lavoro da casa e l’allontanamento sociale hanno contribuito a frenare l’aumento delle infezioni in nove dei 10 paesi studiati, ad eccezione della Spagna, dove l’effetto era  “non -significativo . “

Tuttavia, quando hanno confrontato la diffusione dell’epidemia in luoghi che hanno implementato misure meno restrittive con quelli che optano per un blocco totale, non hanno riscontrato ” alcun effetto benefico chiaro e significativo ” di quest’ultimo sul numero di casi in qualsiasi paese.

La ricerca prosegue suggerendo che i dati empirici della successiva ondata di infezioni mostrano che le misure restrittive non riescono a proteggere le popolazioni vulnerabili. ” La percentuale di decessi per COVID-19 avvenuti nelle case di cura era spesso più alta ” con rigide restrizioni ” piuttosto che con misure meno restrittive “. Dice anche che ci sono prove che suggeriscono che “a volte con misure più restrittive, le infezioni possono essere più frequenti negli ambienti in cui risiedono popolazioni vulnerabili rispetto alla popolazione generale “.

La ricerca ammette che i blocchi all’inizio del 2020 erano giustificati perché la malattia si stava diffondendo rapidamente e travolgendo i sistemi sanitari, e gli scienziati oi medici non sapevano quali fossero i dati sulla mortalità del virus. Tuttavia, indica i potenziali effetti dannosi sulla salute di rigide restrizioni, come la fame, i servizi sanitari che non sono disponibili per malattie non Covid, l’abuso domestico e problemi di salute mentale, e gli effetti di questi sull’economia significano che i benefici delle restrizioni potrebbero essere sopravvalutate e dovrebbero essere studiate attentamente. 

I ricercatori concludono dicendo che, sebbene non possano escludere alcuni ” piccoli benefici “, non sono riusciti a trovare alcun ” vantaggio significativo ” di misure più restrittive sulla diffusione dell’infezione. Affermano che ” riduzioni simili ” possono essere ottenute con ” interventi meno restrittivi “. 

Un numero crescente di paesi ha recentemente introdotto blocchi di vario grado, in risposta al numero crescente di infezioni, attribuite ai nuovi ceppi altamente contagiosi di coronavirus. FONTE

Assessing Mandatory Stay‐at‐Home and Business Closure Effects on the Spread of COVID‐19 

Eran Bendavid , Christopher Oh , Jay Bhattacharya , John P.A. Ioannidis  https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/eci.13484

Verso il nuovo Dpcm, il piano di 100 giorni di lockdown in quasi tutta Italia: i nuovi divieti su spostamenti e bar anche in zona gialla

L’attesa per questa settimana è sull’arrivo del nuovo Dpcm, previsto per giovedì 14 gennaio, sull’onda della linea dura che prevede una stretta su bar e ristoranti, regole più rigide per le zone gialle e soglie più basse perché scattino le zone arancioni e rosse. Ma è sul piano del governo a medio termine che si affacciano le ipotesi di misure più rigide per contrastare l’imminente terza ondata di contagi di Coronavirus. Si tratta di una stretta per circa 100 giorni che potrebbero portare quasi tutte le regioni in zona rossa, con l’obiettivo di alleggerire la pressione sugli ospedali e permettere al piano vaccinale di coprire senza intoppi tutta la popolazione sanitaria e quella più anziana. 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.