Così, gradualmente, qualcuno si sveglia, almeno un po’, e inizia a studiare. Ma quando gli scienziati ancora onesti cercheranno di cogliere il quadro reale? Non c’è dubbio che la realtà vada oltre gli esperimenti ufficialmente denominati. 

L’ingegneria climatica al largo delle coste statunitensi potrebbe aumentare le ondate di calore in Europa, secondo uno studio

Gli scienziati chiedono una regolamentazione per fermare l’uso regionale dell’illuminazione marina delle nuvole che ha un impatto negativo altrove

Una tecnica di geoingegneria progettata per ridurre le alte temperature in California potrebbe inavvertitamente intensificare le ondate di calore in Europa, secondo uno studio che modella le conseguenze indesiderate di interventi regionali sul clima che cambia.
Il documento mostra che interventi mirati per abbassare la temperatura in un’area per una stagione potrebbero portare benefici temporanei ad alcune popolazioni, ma questo deve essere messo a confronto con effetti collaterali potenzialmente negativi in altre parti del mondo e con gradi di efficacia variabili nel tempo.
Gli autori dello studio hanno dichiarato che i risultati sono “spaventosi” perché il mondo ha poche o nessuna regolamentazione per prevenire le applicazioni regionali della tecnica di schiarimento delle nubi marine, che consiste nello spruzzare aerosol riflettenti (di solito sotto forma di sale marino o spray marino) nelle nubi a stratocumulo sopra l’oceano per riflettere una maggiore quantità di radiazione solare nello spazio.

Gli esperti hanno affermato che la scarsità di controlli significa che c’è poco da impedire a singoli Paesi, città, aziende o persino a individui facoltosi di cercare di modificare il clima locale, anche a danno di persone che vivono altrove, portando potenzialmente alla competizione e agli scontri per gli interventi.

Il recente forte aumento delle temperature globali ha spinto alcuni istituti di ricerca e organizzazioni private a impegnarsi in ricerche di geoingegneria che prima erano praticamente tabù.

In Australia, da almeno quattro anni gli scienziati stanno sperimentando strategie di schiarimento delle nuvole marine per cercare di raffreddare la Grande Barriera Corallina e rallentarne lo sbiancamento.

All’inizio di quest’anno, alcuni scienziati dell’Università di Washington hanno irrorato con particelle di sale marino sul ponte aereo di una portaerei in disuso, la USS Hornet, attraccata ad Alameda, nella baia di San Francisco. L’esperimento è stato interrotto dal governo locale per consentire di valutare se lo spray contiene sostanze chimiche che potrebbero rappresentare un rischio per la salute delle persone o degli animali nell’area della baia.

Il nuovo lavoro suggerisce che le conseguenze potrebbero essere molto più ampie e difficili da prevedere. Pubblicato venerdì su Nature Climate Change, gli autori affermano di essere i primi a dimostrare che gli effetti di schiarimento delle nuvole possono diminuire o invertirsi con il cambiamento delle condizioni climatiche dovuto al già drammatico impatto umano della combustione di combustibili fossili e foreste.

Utilizzando modelli computerizzati del sistema terrestre del clima nel 2010 e nel 2050, hanno simulato l’impatto di due operazioni di sbiancamento delle nuvole effettuate su diverse regioni dell’Oceano Pacifico nord-orientale, una alle subtropicali vicino alla California e una alle medie latitudini vicino all’Alaska. Entrambe sono state progettate per ridurre il rischio di caldo estremo sulla regione target, la costa occidentale degli Stati Uniti.

Controintuitivamente, l’operazione più distante ha avuto un impatto maggiore perché ha attinto alle “teleconnessioni”, collegamenti nel sistema climatico tra parti del mondo geograficamente remote.

La simulazione del 2010 ha suggerito che l’operazione vicino all’Alaska avrebbe abbassato il rischio di esposizione al calore pericoloso nella regione target del 55% – equivalente a 22 milioni di persone-giorni d’estate – mentre il test subtropicale più vicino avrebbe causato guadagni minori ma comunque significativi del 16%.

Nelle simulazioni del clima maggiormente perturbato del 2050, tuttavia, le stesse due operazioni hanno prodotto risultati molto diversi, a causa di un minor numero di nubi, di temperature di base più elevate e di un rallentamento della circolazione meridionale atlantica (Amoc). In queste condizioni di metà secolo, l’operazione vicino all’Alaska avrebbe un effetto drasticamente ridotto nell’alleviare lo stress da caldo negli Stati Uniti occidentali, mentre l’operazione subtropicale spingerebbe le temperature più in alto – l’opposto del risultato desiderato.

Anche le conseguenze al di fuori delle regioni target erano notevolmente diverse tra il 2010 e il 2050. Alla prima data, le simulazioni suggerivano che anche l’Europa sarebbe stata raffreddata dalla schiarita delle nubi marine nel Pacifico settentrionale. Tuttavia, entro il 2050, l’operazione di raffreddamento locale avrebbe aumentato lo stress da calore in tutto il mondo, in particolare in Europa, a causa del rallentamento dell’Amoc.

“Il nostro studio è molto specifico”, ha dichiarato Jessica Wan, che fa parte del team di ricerca guidato dallo Scripps Institution of Oceanography della UC San Diego. “Dimostra che la schiarita delle nubi marine può essere molto efficace per la costa occidentale degli Stati Uniti se effettuata ora, ma potrebbe essere inefficace in futuro e potrebbe causare ondate di calore in Europa”.

Secondo l’autrice, i risultati dovrebbero preoccupare i responsabili politici e spingerli a stabilire strutture di governance e linee guida per la trasparenza, non solo a livello globale ma anche a livello regionale.

“In questo momento non esiste una governance della geoingegneria solare. Questo fa paura. Scienza e politica devono essere sviluppate insieme”, ha detto. “Non vogliamo trovarci in una situazione in cui una regione sia costretta a fare geoingegneria per combattere ciò che un’altra parte del mondo ha fatto per rispondere a siccità e ondate di calore”. FONTE

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews.

UN ALTRO TASELLO: INTRODUZIONE DELLA LEGGE SULLA CONSERVAZIONE DELL’ARIA PULITA IN PENNSYLVANIA

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.