Il tabù sulla applicazione di tecnologie di schermatura solare all’aperto è finito. Sostenuti dalla paura coltivata del riscaldamento globale, gli scienziati di corte sono sempre meno preoccupati dell’accettazione da parte del pubblico, che sanno come creare. Il motto del 2024 è sempre più: FALLO E BASTA! Di conseguenza, certe notizie non vengono date.

All’Onu è stato chiesto se ha senso manipolare il clima.

Avete sentito il risultato di questa conferenza?

Potete leggerlo qui.

Ciò che sarebbe auspicabile ora sarebbe che i critici delle misure guardassero al cielo

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE  TELEGRAM  https://t.me/NogeoingegneriaNews

La geoingegneria solare respinta alla 6a Assemblea delle Nazioni Unite sull’ambiente

Un’ulteriore valutazione della geoingegneria solare, una soluzione tecnologica non provata al cambiamento climatico, è stata bloccata dagli Stati membri delle Nazioni Unite durante i colloqui sull’ambiente dell’UNEA-6 di questa settimana.

di David Njagi // 01 marzo 2024

Una risoluzione che spingeva per l’adozione della modifica della radiazione solare, o SRM, nota anche come geoingegneria solare, come tecnologia per combattere il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, è stata respinta questa settimana alla sesta sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’Ambiente, o UNEA-6, tenutasi a Nairobi, in Kenya.

L’SRM è una tecnologia che prevede il dispiegamento di aerosol nella stratosfera, con l’obiettivo di raffreddare il pianeta riflettendo la luce solare nello spazio. Definita da alcuni delegati “una pericolosa distrazione nella lotta al cambiamento climatico”, la bocciatura della risoluzione – che avrebbe creato un gruppo di esperti delle Nazioni Unite con il mandato di valutare i rischi e le opportunità dell’SRM – è stata salutata come una “svolta” dagli attivisti africani.

Botswana, Gibuti, Etiopia, Gabon e Somalia hanno respinto la risoluzione, proposta dalla Svizzera, prima di un incontro ad alto livello dei capi di Stato dell’UNEA-6….

VEDI QUI https://www.devex.com/news/solar-geoengineering-rejected-at-6th-un-environment-assembly-107157

Gli Stati vulnerabili dal punto di vista climatico hanno bloccato con successo una pericolosa spinta a legittimare le tecnologie di geoingegneria solare, in uno sviluppo significativo accolto con favore dal Centro per il Diritto Internazionale dell’Ambiente durante la sesta Assemblea delle Nazioni Unite per l’Ambiente, UNEA-6, nella capitale keniota.

Gli sforzi di Svizzera, Monaco, Georgia e Israele, che cercavano di istituire un gruppo scientifico di esperti sulla geoingegneria solare, sono stati fermati quando gli Stati membri hanno chiarito che non c’era consenso in merito.

Gli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e il Giappone hanno tentato di minare ulteriormente le moratorie esistenti delle Nazioni Unite sulla modificazione della radiazione solare (SRM) durante l’UNEA-6, ma hanno dovuto affrontare la forte opposizione dei Paesi dell’Africa, del Pacifico e dell’America Latina.

L’opposizione vocale alla geoingegneria all’UNEA-6 invia un messaggio potente che sottolinea un ampio impegno a sostenere le norme consolidate del diritto ambientale internazionale. Le tecnologie di modificazione della radiazione solare (SRM) sono pericolose e non hanno alcun ruolo da svolgere nel nostro futuro comune. Queste tecnologie non possono affrontare le cause alla radice della crisi climatica e permetterebbero invece ai principali inquinatori di ritardare l’urgente necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili.

Le azioni di Stati Uniti, Arabia Saudita e Giappone all’UNEA-6 hanno evidenziato un approccio altamente problematico alle sfide ambientali globali: cercare di accogliere i sostenitori della geoingegneria e minare le strutture di governance delle Nazioni Unite esistenti.

Questi tentativi di legittimare le tecnologie SRM hanno incontrato una forte resistenza, con gli Stati insulari del Pacifico, la Colombia, il Messico e l’UE che hanno appoggiato la leadership del Gruppo africano contro i tentativi di normalizzare queste tecnologie non provate.

Il fallimento di questi tentativi indica un crescente consenso sui rischi associati alla geoingegneria solare e un crescente sostegno per un meccanismo internazionale di non utilizzo degli SRM, come dimostrato dalle decisioni della Conferenza ministeriale africana sull’ambiente e del Parlamento europeo“.

FONTE https://www.ciel.org/news/ciel-response-to-geoengineering-srm-technology-rejection-unea-6/

TRA POCHI GIORNI L’ONU POTREBBE SDOGANARE LA GEOINGEGNERIA SOLARE

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.