Il cielo notturno si sta popolando di sfere rossastre e di bagliori visibili a occhio nudo, che non hanno un’origine naturale. Sono state chiamate le ‘aurore SpaceX’ e sono provocate dai razzi di Elon Musk nello strato più esterno dell’atmosfera terrestre, la ionosfera. Se ne stanno osservando sempre di più, da 2 a 5 al mese di queste “meraviglie”.

Inoltre, hanno riportato che il fenomeno meteorologico non ben compreso dell’improvviso riscaldamento della stratosfera abbia aperto dei buchi nella ionosfera.VEDI QUI e QUI 
Tale riscaldamento è correlato a profondi cambiamenti del tempo a livello del suolo.

Tuttavia, non sono solo i tagli e i buchi nella ionosfera come effetto collaterale per varie ragioni ad essere stati osservati, bensì anche gli effetti di un lavoro effettuato in modo deliberato su questa fascia atmosferica. Rosalie Bertell ne parla nel suo libro PIANETA TERRA L’ULTIMA ARMA DI GUERRA.

Puoi seguire Nogeoingegneria  con Telegram e ricevere le notizie sia su cellulare che su PC: https://t.me/NogeoingegneriaNews  

I RAZZI SPACEX CONTINUANO A CREARE “BUCHI ATMOSFERICI” COLOR ROSSO SANGUE NEL CIELO, E GLI SCIENZIATI SONO PREOCCUPATI

Gli astronomi hanno scoperto un nuovo tipo di “aurora” creata dalla caduta dei razzi SpaceX che bucano in modo temporaneo la ionosfera. Gli esperti temono che questi spettacoli di luce rosso sangue possano causare problemi sconosciuti all’astronomia e alle comunicazioni.

I razzi SpaceX in uscita stanno creando buchi temporanei nell’atmosfera superiore, creando blob luminosi nel cielo. Ora, gli scienziati hanno avvertito che queste “aurore di SpaceX”, che appaiono come sfere di luce rossa incandescente, potrebbero causare problemi non conosciuti, sebbene non rappresentino una minaccia per l’ambiente o la vita sulla Terra. (ndr non sanno ma sanno che non minacciano…?)  

I ricercatori sanno da decenni che il lancio di razzi nello spazio può creare dei buchi nella parte superiore della ionosfera – la parte dell’atmosfera tra le 50 e le 400 miglia (80 e 644 chilometri) sopra la superficie terrestre dove il gas è ionizzato, ovvero privato degli elettroni. Questi “buchi ionosferici” possono eccitare le molecole di gas in questa parte dell’atmosfera e innescare strisce vibranti di luce rossa, simili a quelle delle aurore.

Ad esempio, a luglio un razzo Falcon 9 di SpaceX, che trasportava in orbita i satelliti Starlink, ha aperto un buco sopra l’Arizona che ha fatto sanguinare il cielo. A settembre, un razzo della U.S. Space Force ha accidentalmente aperto un buco ionosferico sopra la California, creando un debole bagliore rosso.

Ora, gli astronomi dell’Osservatorio McDonald in Texas hanno individuato luci rosse simili, ma singolari, che appaiono molto tempo dopo che i razzi Falcon 9 di SpaceX hanno lasciato l’atmosfera terrestre. Queste luci, più piccole e più sferiche rispetto alle lunghe strisce create dal lancio dei razzi, sono il risultato di buchi ionosferici scavati dai booster secondari dei razzi mentre ricadono verso la Terra dopo essersi staccati dai razzi, ha riferito Spaceweather.com.

Gli astronomi hanno individuato la prima di queste aurore di SpaceX sopra l’osservatorio a febbraio e ora ne vedono “da 2 a 5 al mese”, ha dichiarato a Spaceweather.com Stephen Hummel, astronomo e coordinatore del programma di divulgazione del McDonald Observatory. Le sfere rosse sono “molto luminose” e “facilmente visibili a occhio nudo”, ha aggiunto.

CONTINUA https://www.livescience.com/space/space-exploration/spacex-rockets-keep-tearing-blood-red-atmospheric-holes-in-the-sky-and-scientists-are-concerned

BUCHI NELLA IONOSFERA

BUCHI NEL CIELO – UN SISTEMA DI ARMAMENTI CON EFFETTI DEVASTANTI SUL CLIMA?

LA NATO STA COFINANZIANDO UN PROGETTO PER LA CREAZIONE DI UNA RETE UNICA DI RILEVATORI IONOSFERICI TERRESTRI

OGNI LANCIO DI RAZZO DANEGGIA LO STRATO DI OZONO TERRESTRE

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.