Non hanno recitato un mantra per anni e anni? Tutto sembrava essere così chiaro. E all’improvviso sorgono dei dubbi. Incredibile. Questa misura governativa è giusta.

Anche un orologio rotto ha ragione due volte al giorno.

“Con l’introduzione dei regolamenti nell’UE, la IATA ha pubblicato un rapporto che chiede “un’azione urgente” per approfondire la comprensione dell’impatto delle scie sul clima. Secondo il rapporto, la scienza è complessa e ci sono lacune nella conoscenza delle condizioni in cui si formano (le scie), di quando persistono e del loro impatto sul clima.”

***********************

By Euronews Green

Le scie di condensazione si formano quando si formano cristalli di ghiaccio attorno a minuscole particelle di carbonio emesse dai motori degli aerei.

Le compagnie aeree si sono opposte al progetto dell’UE di monitorare le scie degli aerei, sostenendo che si sa troppo poco del loro impatto sul clima per poterle regolamentare.

L’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA) sostiene che è troppo presto per implementare una regolamentazione, poiché ci sono ancora “lacune” nelle conoscenze scientifiche sul loro impatto.

Secondo le nuove norme dell’UE, a partire dal gennaio 2025 le compagnie aeree dovranno misurare e comunicare le emissioni di gas non CO2 prodotte dai voli. Queste includono le scie, gli ossidi di azoto e lo zolfo.

Le scie di condensazione si formano quando si formano cristalli di ghiaccio attorno a minuscole particelle di carbonio emesse dai motori degli aerei nel momento in cui questi volano attraverso strati di umidità.
A seconda delle condizioni atmosferiche, possono durare da pochi minuti a 18 ore.

Perché le scie sono un problema?

La ricerca ha dimostrato che le scie possono avere un ruolo significativo nell’impatto climatico dell’aviazione. La prima prova che evidenzia l’impatto dei voli non legato alla CO2 è stata fornita dall’IPCC nel 1999.

Da allora, è stato dimostrato che le scie disturbano l’equilibrio tra la radiazione solare in entrata e il calore emesso dalla superficie terrestre. Ciò significa essenzialmente che quando queste nuvole persistono possono intrappolare il calore nell’atmosfera.

Uno studio del 2023 ha rilevato che potrebbero essere responsabili del 57% dell’impatto sul riscaldamento dell’industria aeronautica, più delle emissioni di CO2 prodotte dalla combustione del carburante.
Un altro del 2019 prevede che le “forze radiative” delle scie saranno quasi triplicate entro il 2050.

Gli esperti del Grantham Institute dell’Imperial College di Londra hanno dichiarato che la comprensione del modo in cui le scie degli aerei influenzano il cambiamento climatico potrebbe offrire una via rapida per ridurre il riscaldamento globale.

Esistono anche soluzioni al problema. I carburanti puliti riducono la quantità di inquinanti non-CO2 rilasciati nell’aria. Gli aerei possono evitare di volare in aree molto fredde e umide, modificando le traiettorie di volo a quote più basse o effettuando piccole deviazioni.

Secondo uno studio, ad esempio, la deviazione di meno del 2% dei voli in Giappone ridurrebbe del 60% l’effetto riscaldante delle scie.

Ma per capire quali aree devono essere evitate, le compagnie aeree devono collaborare e garantire la disponibilità dei dati raccolti sulle rotte di volo.

Le compagnie aeree si oppongono ai piani di monitoraggio delle scie

In vista dell’introduzione di una normativa nell’UE, la IATA ha pubblicato un rapporto che chiede “un’azione urgente” per approfondire la comprensione dell’impatto climatico delle scie. Secondo il rapporto, la scienza è complessa e ci sono lacune nelle conoscenze sulle condizioni in cui si formano, su quando persistono e sul loro impatto sul clima.

“L’industria e le sue parti interessate stanno lavorando per affrontare l’impatto delle emissioni non CO2 sul cambiamento climatico, in particolare le scie”, ha dichiarato il direttore generale della IATA Willie Walsh.

“Per garantire che questo sforzo sia efficace e senza effetti negativi, dobbiamo capire meglio come e dove si formano le scie e ridurre le incertezze legate al loro impatto sul clima”.

Oltre a sollevare preoccupazioni circa l’onere del monitoraggio e della raccolta dati sulle scie, Walsh ha aggiunto che la formulazione e l’attuazione di regolamenti basati su “dati insufficienti e una comprensione scientifica limitata” è “insensata”. Ha affermato che potrebbe addirittura portare a impatti negativi sul clima.

La conclusione più importante del rapporto, secondo il direttore generale della IATA, è lavorare insieme per risolvere queste “lacune scientifiche” in modo da poter “intraprendere azioni efficaci”.

FONTE https://www.euronews.com/green/2024/04/30/airlines-lobby-against-eu-plan-to-monitor-non-co2-emissions-from-flights

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE  TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews 

E’ UN FATTO: TUTTE LE SCIE DEGLI AEREI SONO SCIE CHIMICHE

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.