Articolo di NoGeoingegneria 

Era il 2015. Qualcuno si chiedeva se la CIA volesse usare la geoingegneria per fini militari. E’ stato Alan Robock a lanciare questo allarme e a chiedere che i servizi segreti siano trasparenti nelle loro intenzioni riguardo alla geoingegneria. «Ho paura che la CIA o altre agenzie possano usare la geoingegneria per scopi militari» diceva pubblicamente il climatologo di spicco che ha contribuito ai report dell’IPCC. Alan Robock della Rutgers University nel New Jersey, si occupa di geoingegneria da anni. Temeva che i servizi di intelligence finanziassero la ricerca sul cambiamento climatico per sapere se le nuove tecnologie possano essere usate come armi. Lo scienziato ha chiesto alle agenzie governative di essere trasparenti circa i loro reali interessi di modificare il clima del pianeta. La National Academy of Sciences aveva pubblicato un rapporto in due volumi sui diversi approcci per affrontare il cambiamento climatico. Il rapporto è costato 600 mila dollari, in parte finanziato dai servizi segreti americani, che secondo Robock non hanno pienamente spiegato i loro reali interessi per questa ricerca.

«La CIA è stata uno dei principali finanziatori del rapporto redatto dalla National Academy, e questo mi fa preoccupare molto – ha detto – Ho cominciato a sospettare un coinvolgimento dei servizi segreti nella scienza del cambiamento climatico dopo aver ricevuto, tre anni fa, una chiamata da due uomini. Sostenevano di essere consulenti CIA e mi hanno detto:

Vorremmo sapere se abbiamo i mezzi per rilevare se qualche altro paese sta controllando il nostro clima’. Ma credo che il loro retropensiero fosse: ‘Se volessimo controllare il clima di qualcun altro, potremmo venire scoperti?’».   Vedi qui

Robock conosce un memorandum scritto dalla CIA nel 1960? E’ davvero sorprendente che nessuno abbia parlato finora di questo documento .

1960: LA CIA VUOLE IL CONTROLLO DEL CLIMA 

Risultati immagini per CIA climate control

Nel 1960 la CIA ha scritto un Memorandum con il titolo “Climate control” firmato dal Generale Charles P. Cabell (cacciato da J.F.Kennedy per motivi non conosciuti – vedi nota). Erano i tempi della Guerra Fredda e furono proposti lo sviluppo del controllo climatico e della meteorologia come arma da guerra, non solo per la difesa ma per il dominio territoriale, anche globale (vedi J.B. Johnson).

Il documento parla di controllo di clima, acqua, cibo, sottolineando l’importanza dell’energia nucleare per mettere in pratica le manipolazioni atmosferiche. Infatti, molti degli scienziati-militari impegnati nel settore della manipolazione climatica vengono dal settore nucleare, basti pensare ad Edward Teller. Erano gli anni più caldi dei test atomici e sulle vere intenzioni di queste ‘sperimentazioni’ sappiamo molto poco.

E’ stata soprattutto Rosalie Bertell ad avere il merito di aver tracciato ed esaminato questo settore. Nel suo articolo HAARP – UNA STORIA LUNGA 60 ANNI  offre un quadro inquietante. Il suo libro (che speriamo di veder pubblicato presto) ne parla in maniera  approfondita. 

Ecco alcuni dati  per ricordare i contorni del periodo:

Nel 1953  il governo americano costituisce l’Agenzia per il controllo del tempo.

Nel 1957 una commissione consultiva sul controllo climatico afferma: “Le modificazioni climatiche potrebbero rivelarsi un’arma più cruciale della bomba atomica” (M.S. Ventakataramani, To Own The Weather, Frontline, 16-29 gennaio 1999).

Nel 1958  Howard T. Orville, capo dell’Agenzia per il Controllo del Tempo, afferma che si stanno studiando “modi per modificare il clima usando un raggio elettronico per ionizzare o de-ionizzare l’atmosfera sopra una determinata area”.

Il senatore, e futuro Presidente degli USA, Lyndon B. Johnson dichiarò che “Dallo spazio sarà possibile controllare il clima terrestre, causare siccità e inondazioni, cambiare le maree e innalzare il livello del mare, rendere gelidi i climi temperati”. 

L’uso del meteo come arma viene vietato nel 1978 nell’ambito della Environmental Modification Convention (ENMOD).

Dopo il 1978 le sperimentazioni sono continuate indisturbate, ma non ufficialmente, e non si pubblicano più documenti espliciti e significativi come negli anni precedenti, mentre proprio in questi decenni constatiamo un aumento degli eventi estremi.

Facendo sparire l’argomento dall’ufficialità, si è relegato tra le teorie complottiste o la fantascienza, ma così non dovrebbe essere (vedi qui un imponente documento del Senato USA sulla modificazione cliamatica in atto).

Arriviamo ai nostri giorni e si accusa il ‘cambiamento climatico’ (causato secondo il 97% degli esperti dall’aumento della CO2) di essere responsabile per ogni tipo di disastro.

Le ‘cure’ escogitate per ‘trattare’ il pianeta fatto ammalare sono misure che, guarda caso, si rivelano essere proprio tra le proposte elencate dalla  CIA nel 1960! Ma nel 1960 l’intento dichiarato era di voler effettivamente cambiare il clima e il meteo per motivi bellici e non per salvare il pianeta, e della CO2 come problema non c’era ancora traccia.

Il documento che segue descrive le strategie per provocare intenzionalmente i cambiamenti climatici-meteorologici, per esempio con il “Cambio di umidità nell’atmosfera” o “Cambio della circolazione del vento influenzando correnti, tempeste, uragani e altro.

Le conseguenze delle modifiche atmosferiche, dice il memorandum, inevitabilmente portano ad un cambiamento climatico.

Il documento è disponibile sotto forma di file PDF digitalizzato sul pubblico sito della CIA.  https://www.cia.gov/library/readingroom/docs/CIA-RDP78-03425A002100020014-2.pdf  

 

 

TRADUZIONE (ESTRATTO)  

Memorandum per: General Charles P. Cabell

Oggetto: Climate control

Il Controllo dell’ambiente meteorologico coinvolge l’intera gamma di fenomeni meteorologici, in funzione della scala temporale e spaziale associata a tali fenomeni meteorologici Sono coinvolti diversi tipi di attività umane che vanno da quelle degli individui, attraverso le complesse operazioni di grandi organizzazioni industriali e militari e le attività di intere società. Il concetto di controllo meteorologico ha significato solo quando viene discusso in termini di operazioni specifiche per le quali deve essere utilizzato.

Le tecniche che sono e possono essere utilizzate per il controllo dell’ambiente meteorologico variano con la scala delle operazioni considerate, e con gli obiettivi specifici che devono essere raggiunti da tale controllo meteorologico, il controllo climatico su vasta scala richiede la modificazione dei modelli meteorologici globali alterando e interferendo con processi fisici su larga scala associati ai moti caratteristici. La maggior parte di queste proposte non è mai stata sottoposta ad analisi di fattibilità scientifiche dettagliate (ndr: lacuna nel frattempo colmata).

Queste proposte rientrano in diverse categorie generali. Grossolanamente possono essere categorizzate se cercano di alterare i processi. Associato all’energia e il momento o l’equilibrio dell’umidità dell’atmosfera. Ad esempio sono state fatte proposte per modificare il bilancio energetico di vaste aree alterando la superficie dell’albedo. Proposte di questo tipo comportano il cambiamento dell’albedo superficiale mediante l’uso di sostanze con caratteristiche assorbenti o riflettenti appropriate che differiscono dalla superficie naturale.

Un esempio è la proposta che le aree polari siano coperte con uno strato di fuliggine (ndr: caso vuole che nel frattempo si è verificata questa realtà – vedi qui link).

Altri propositi sono fatti per alterare il bilancio energetico dell’atmosfera iniettando polvere e altre particelle nell’atmosfera alta che potrebbe alterare l’ingresso di energia solare nell’atmosfera. Le proposte per modificare il normale ciclo energetico dell’atmosfera si estendono anche all’alterazione della chimica delle sostanze atmosferiche, specialmente nell’atmosfera alta, che potrebbe anche influire sull’equilibrio radiante.

Le proposte sono fatte per alterare il bilancio dell’umidità dell’atmosfera con l’alterazione del meccanismo di evaporazione …

mentre ci sono molti metodi concepibili per il controllo del clima, tutti implicano il dispendio di energia in una forma o nell’altra …

Ora in questa era atomica (ndr: ricordiamo che si parla del 1960) abbiamo a disposizione potenzialità immense…è diventato necessario per noi riconoscere le realtà e le potenzialità della scienza moderna per quanto sono e cosa possono significare per le possibilità di controllo del clima….

Cambiamenti moderati nelle caratteristiche climatiche avranno gravi ripercussioni su tutti gli aspetti dell’attività industriale.

Militarmente, una capacità di controllo climatico solleva la possibilità di un tipo di guerra completamente nuovo. Questo tipo di guerra può essere definito “guerra geofisica” in cui la nostra capacità di controllare l’ambiente meteorologico può essere usata come arma.

Esperimenti di controllo del clima

… questi esperimenti saranno progettati per valutare il cambiamento climatico

che potrebbe derivare da cambiamenti dovuti all’energia introdotta artificialmente e alle fonti e agli impulsi di abbassamento..

Sono stati proposti innumerevoli modi per variare queste fonti e abbassamenti…

Traduzione NoGeoingegneria

Nota

Al momento dell’assassinio, il sindaco di Dallas Earle Cabell, fratello del vice direttore dell’intelligence centrale Charles P. Cabell, era stato un membro attivo della CIA dal 1956. Vale la pena notare che Kennedy licenziò il direttore della CIA Allen Dulles nel novembre 1961 e che il fratello di Earle Cabell, Charles, lasciò la CIA il 31 gennaio 1962, dopo che Kennedy lo costrinse a dimettersi. Così, sia Dulles che Charles Cabell non lavoravano più per la CIA il 22 novembre 1963, quando Kennedy fu ucciso. Al momento dell’assassinio di John F. Kennedy, il sindaco di Dallas era Earle Cabell, fratello del vice direttore dell’intelligence centrale Charles P. Cabell. Earle Cabell, che era stato eletto sindaco di Dallas nel maggio 1961, supervisionò gli accordi per il viaggio e il corteo di Kennedy. Kennedy durante la breve durata del suo mandato era venuto a conoscenza della corsa verso il possesso del tempo. Il  suo avviso chiaro e gravoso nel 1963 potrebbe aver avuto un ruolo nella sua uccisone .

Risultati immagini per kennedy cia

VEDI ANCHE

LA NATO 

John von Neumann, al culmine della Guerra Fredda (1955), sottolineava con tremenda preveggenza che: “Interventi in materia atmosferica e climatica… si apriranno ai nostri occhi con una dimensione difficile da immaginare al presente… Questo amalgamerà gli interessi di ogni nazione con quelli di tutte le altre, in modo totale, più di quello che la minaccia nucleare o una qualche altra guerra abbiano fatto fino ad ora” (Citazione da Spencer Weart, Guerra ambientale: schemi di modificazioni climatiche, Global Research, 5 dicembre 2009). …

Trasformare la natura in una vera arma, per generare eventi catastrofici, devastare l’agricoltura, le infrastrutture, sciogliere dei ghiacci per affogare città portuali avversarie, deviare correnti marine e atmosferiche, far esplodere ordigni nucleari finalizzati a provocare tempeste radioattive e incendi  su enormi spazi abitati, tutto questo e altro ancora è scienza militare durante la Guerra Fredda…Questo tipo di strategia militare fu consolidata in forma ufficiale dal presidente americano Eisenhower con la costituzione di una commissione speciale, guidata dal capitano Howard Orville, con il compito di studiare il potenziale uso della natura come arma. Orville era sostenitore della ricerca sull’uso del controllo del tempo…La sigla chiave nelle indagini fu l’azione sinottica, la“SYNOPTIC ACTION”(forma di sinossi, secondo un criterio schematico che consente una rapida visione e acquisizione mnemonica dei problemi) con lo sguardo verso un controllo del sistema fisico di grandi ‘porzioni’ del pianeta. Erano necessarie l’osservazione e la coordinazione di varie discipline. SYNOPTIC – SCALE MANIPULATION

Le forze NATO dovevano sapersi muovere in ogni tipo di ambiente, anche quelli più estremi: polari, deserti, giungla. Centri di addestramento e basi furono installati in Groenlandia, Alaska, Canada e nel deserto di Yuma (Arizona). I cartografi dovevano ridisegnare le mappe terrestri e rivedere la geodesia. Le armi intercontinentali richiedevano precisione, ma anche la manipolazione e il controllo del tempo meteorologico…I consiglieri della NATO prevedevano che nel 1970 gli scienziati sarebbero stati capaci di identificare e tracciare i temporali su tutto il pianeta e di controllare costantemente la radiazione sul globo. I dati sarebbero stati forniti dal cielo. L’osservazione e l’elaborazione costante ed automatica dei dati in ogni angolo della terra indica la prospettiva e la meta del ‘mastery of global environment’ del comitato. I consiglieri predissero la manipolazione dell’ambiente su ampia scala.

Articolo integrale: LA NATO E LA GUERRA AMBIENTALE

KEVIN SHIPP – EX UFFICIALE DELLA CIA SPIEGA IL GOVERNO OMBRA USA

IL RAPPORTO DELLA CIA DEL 1974 SUL RAFFREDDAMENTO GLOBALE

LA CIA VUOLE USARE LA GEOINGEGNERIA A FINI MILITARI?

I VEGGENTI DEL PENTAGONO NEL 2003: SARA’ CATASTROFE CLIMATICA ENTRO IL 2020

UNA COSPIRAZIONE MONOLITICA E SPIETATA

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.