La Cina sta sviluppando un nuovo radar super-sensibile per combattere uno dei più acerrimi nemici della salute umana: le zanzare. La notizia arriva dal South China Morning Post (Scmp)di Hong Kong, che riporta anche alcuni dettagli del progetto.

Il radar

Al prototipo del super radar, che dovrebbe riuscire ad individuare un battito di ali di zanzara fino a due km di distanza, sono gli scienziati dell’Istituto di tecnologia di Pechino. “Identificare e tracciare obiettivi della misura di una zanzara non è più fantascienza. Siamo abbastanza vicini a portare fuori questa tecnologia dal laboratorio e usarla per salvare vite”  fanno sapere dall’istituto.  Infatti, secondo quanto riferisce il SCMP riportando una posizione dell’Organizzazione mondiale della sanità,  le punture di zanzara sono responsabili di più morti di tutte le guerre combinate, ovvero di oltre un milione di morti all’anno. L’insetto è vettore di molte malattie, tra le quali quella prodotta da virus Zika o la malaria.

Come funziona

Per lavorare al progetto, il team ha ricevuto una cifra pari a 12.9 milioni di dollari dal governo centrale: “Stiamo costruendo una o due unità al momento. In futuro speriamo che si possano costruite in numero maggiore così da installarli in diverse zone del Paese e formare una rete per monitorare i movimenti di più animali” hanno spiegato gli esperti. Il prototipo di radar attualmente in fase di sviluppo funziona emettendo rapidi impulsi di onde elettromagnetiche che viaggiano a differenti frequenze. Quando le onde radio colpiscono una zanzare, rimbalzano indietro con informazioni che includono il genere, la specie, la velocità e la direzione di volo dell’insetto. L’ostacolo maggiore da sormontare per il perfetto funzionamento del radar, risulta quello ambientale: le onde radio potrebbero infatti essere nascoste facilmente dai rumori in sottofondo.

I possibili usi

Naturalmente questo tipo di radar potrebbe avere un campo di utilizzo più ampio della semplice guerra alla zanzara. Al progetto stanno collaborando insettologi ed esperti di numerosi settori: fornendo una serie di dati sugli animali rintracciati, il congeno permetterebbe ai biologi anche di raccogliere informazioni per combattere numerose malattie, come la peste. I risultati finora raggiunti sono inoltre incoraggianti anche perché le autorità cinesi hanno permesso al team di costruire il congegno servendosi delle più avanzate tecnologie militari.

FONTE https://tg24.sky.it/mondo/2018/03/30/cina-radar-anti-zanzare.html

È un insetto vivente (e volante) controllabile come un robot: la creatura ibrida è in fase di avanzato sviluppo a Singapore.

Di blatte cyborg o locuste robotiche da impiegare in missioni di soccorso o nella caccia agli esplosivi abbiamo già scritto: in particolare perché, per quanto ci si possa applicare, non è ancora possibile costruire macchine capaci di muoversi come fanno gli insetti.

Un gruppo di ricercatori di Singapore è ora riuscito nel difficile compito di controllare non solo il movimento, ma addirittura il volo di un insetto, un coleottero: ha creato, cioè, uno scarabeo cyborg che è possibile dirigere con impulsi elettrici.  LEGGI QUI 

VIDEO NANO SPY DRONE

 

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.