Non so se ci sia un collegamento tra il fatto che si stia svolgendo l’ennesima finzione mediatica della catastrofe climatica imminente e le dimissioni di Ivar Giaever dalla American Physical Society. Lo ritengo poco probabile, data la levatura dello scienziato dimissionario. Visto però che nel corso dell’evento Al Gore si riproponeva di “svelare i negazionisti”, forse Giaever ha deciso di fare da se’.

Ivar Giaever è questo: Premio nobel per la fisica nel 1973 insieme a Leo Esaki e Brian Josephson per le loro scoperte sui fenomeni di Tunneling nei conduttori e semiconduttori.

Già tempo fa aveva avuto modo di stigmatizzare il riscaldamento globale come una “nuova religione”, ora entra un po’ più nel dettaglio in questa sua breve missiva al presidente dell’AMS:

Dear Ms. Kirby

Thank you for your letter inquiring about my membership. I did not renew it because I can not live with the statement below: Emissions of greenhouse gases from human activities are changing the atmosphere in ways that affect the Earth’s climate. Greenhouse gases include carbon dioxide as well as methane, nitrous oxide and other gases. They are emitted from fossil fuel combustion and a range of industrial and agricultural processes.

The evidence is incontrovertible: Global warming is occurring.

If no mitigating actions are taken, significant disruptions in the Earth’s physical and ecological systems, social systems, security and human health are likely to occur. We must reduce emissions of greenhouse gases beginning now.

In the APS it is ok to discuss whether the mass of the proton changes over time and how a multi-universe behaves, but the evidence of global warming is incontrovertible? The claim (how can you measure the average temperature of the whole earth for a whole year?) is that the temperature has changed from ~288.0 to ~288.8 degree Kelvin in about 150 years, which (if true) means to me is that the temperature has been amazingly stable, and both human health and happiness have definitely improved in this ‘warming’ period.

Best regards,

Ivar Giaever

Nobel Laureate 1973

PS. I included a copy to a few people in case they feel like using the information.

Giaever si riferisce a questo documento diffuso dall’APS nel 2007, spiegato e giustificato nel 2010. Già il fatto che un associazione scientifica così blasonata abbia dovuto “spiegarsi”, soprattutto in ordine alle affermazioni di natura politica e non scientifica contenute nel documento, la dice lunga su come stiano le cose. Con riferimento al riscaldamento globale, ai cambiamenti climatici, al disfacimento climatico o come per convenienza di comunicazione lo si voglia chiamare, scienza e politica ballano un passo a due. Si prendono e si lasciano sostenendosi a vicenda secondo necessità, ma seguono comunque lo stesso ritmo, scandito dal movimento dell’AGW di cui Al Gore gioca a fare il direttore d’orchestra. Sarà pur vero che le cose sono sempre andate così, ma questa non è una buona ragione per accettarlo. E Giaever non lo accetta.

Qualche lettore attento ricorderà che su queste pagine abbiamo discusso molte volte circa l’insensatezza di definire incontrovertibile l’evidenza della totale o quasi responsabilità umana per le recenti dinamiche del clima. Specialmente con riferimento alla sicumera con cui si da’ conto delle variazioni della temperatura media superficiale alla terza cifra decimale, in un contesto che vede di fatto questo parametro come impossibile da misurare in modo istantaneo, figuriamoci nel tempo.

Il mondo si scalda, è vero. Come è vero che si è già scaldato e raffreddato innumerevoli volte. E noi non sappiamo quanto con la sufficiente accuratezza per iniziare – attenzione, non definire- un qualsiasi discorso delle attribuzioni delle cause, specialmente focalizzando l’attenzione su di un solo fattore, quello antropico.

A nulla valgono gli atteggiamenti prudenti di quanti hanno fatto la storia della fisica nelle ultime decadi, proprio quelle per le quali i novelli salvatori della patria armati di tastiere si dicono convinti di aver trovato il bandolo della matassa. I dati sono incontrovertibili, raccontano, e la grancassa mediatica organizza maratone di realtà climatica che definire virtuale è un complimento.

Che dire? Eccone un altro che si tira fuori, il consenso, vocabolo quanto mai risibile in questo contesto, è sempre meno tale. FONTE http://www.climatemonitor.it/?p=19419

Ivar Giaever: “il riscaldamento globale rivisitato”

di Leonardo Magrini

Il dottor Ivar Giaever, Nobel per la fisica nel 1973 nel campo della materia condensata e dei semiconduttori, ha recentemente denunciato la tesi secondo la quale le attività umane sarebbero alla base del riscaldamento globale. L’occasione è stata l’intervento del primo luglio al 65esimo incontro dei premi Nobel a Lindau, in Germania, quando Giaever ha definito il riscaldamento globale “una nuova religione”: bisogna cioè accettare la tesi delle responsabilità umane come un dogma ed è proibito discuterne da un punto di vista scientifico.

Per questo motivo, il 13 settembre 2011, in seguito ad un comunicato dell’American Physical Society che dichiarava “incontrovertibile” la tesi del riscaldamento globale, Giaever diede le dimissioni in segno di protesta; dimissioni che seguirono quelle di Harold Lewis dell’anno precedente (il riscaldamento globale è la più grande e riuscita frode pseudoscientifica che abbia mai visto nella mia lunga carriera di fisico“).

Nel periodo tra il 1880 ed il 2015 la temperatura è aumentata di 0.8 Kelvin (0.3%), da 288 K a 288.8 K; è cioè rimasta praticamente invariata. “Per farvi un esempio,” afferma Giaever “a casa mia, a Albany, New York, la differenza tra la temperatura massima estiva e quella minima invernale arriva a toccare gli 80 K. Che differenza pensate possa fare una variazione di 0.8 K?”

Giaever ha poi messo in discussione l’accuratezza dei sistemi di rilevamento delle temperature. E’ stato presentato un grafico del NASA Goddard Institute for Space Studies (fig.1) nel quale vengono evidenziate le posizioni di queste stazioni: come è facile notare 3436 delle 3846 complessive sono situate nell’emisfero settentrionale. Di queste soltanto 8 sono situate in Antartide, continente dove tutte le fonti riscontrano una diminuzione delle temperature con conseguente incremento dei ghiacci. “Pensare di poter misurare la temperatura media di tutta la Terra per un anno intero e produrre un risultato nell’ordine della frazione di grado è semplicemente ridicolo” Articolo integrale http://movisol.org/ivar-giaever-il-riscaldamento-globale-rivisitato/

 VIDEO

Lindau Nobel Laureates Meeting

 

VEDI ANCHE

IL BIG OIL EUROPEO CHIEDE STANDARD PER LE TARIFFE DELLA CO2

Giulietto Chiesa, il CO2 e un necessario chiarimento

Cambiamento climatico: “Non ci sono prove scientifiche che le emissioni di CO2 siano la causa

CO2 PETROLIO DEL FUTURO. VOLTIAMO PAGINA!?

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.