Michael Murphy e Barry Kolsky, produttori dei documentari “WHAT in the World are They Spraying?” e “WHY in the World are They Spraying?” hanno iniziato la lavorazione del terzo film e pongono una domanda chiave:“WHO in the world is spraying?”.
I primi due lavori resero la questione delle irrorazioni di sostanze chimiche nel cielo ( geo-ingegneria all’opera) un argomento familiare a tante persone.
In molti dicono di aver preso coscienza di questa realtà dopo la visione di uno o entrambi i film.
Milioni di persone sono convinti che la geo-ingegneria sia una minaccia immensa per le condizioni di vita sul nostro pianeta, ma nonostante l’aumentata consapevolezza di questo nuovo grande pericolo, tali operazioni vengono regolarmente effettuate e possiamo osservare i continui assalti nei nostri cieli con una frequenza impressionante.È sufficiente osservare il cielo per rendersi conto che qualcosa non va.
Nei film del passato, dice Murphy, ogni risposta ha portato a nuove domande.
Il primo film, ” What in the World Are They Spraying?” ha mostrato che certi programmi che stanno distruggendo gli ecosistemi e la salute umana in tutto il mondo sono una realtà.
Nel secondo film, “Why are they spraying? “, si cercava di dare una risposta al perché di queste operazioni devastanti. Quest’ultimo film è stato premiato per il fatto di aver rivelato che la geo-ingegneria/controllo meteo è un modo molto efficace per consolidare un enorme potere finanziario e politico nelle mani di pochi a scapito della vita del nostro pianeta.
Molte domande restano senza risposta, ma gli autori dei film ritengono che la domanda da porsi ora per fermare la distruzione in corso è: CHI sta facendo e controllando ciò.
Secondo Murphy migliaia di governi e aziende sono coinvolti in questi programmi, ma alcuni sono protagonisti in queste operazioni di continua manipolazione e distruzione, diffuse ormai a livello globale .L’indagine del nuovo film intende svelare il ruolo di governi, aziende e individui responsabili di questi crimini.
Dopo l’uscita del film “WHY in the world are they spraying” nel 2012, il lavoro di ricerca dello staff è proseguito con ricerche e monitoraggio dei dati che confermano il coinvolgimento di precisi governi, aziende e individui.
Con la diffusione globale di questo terzo documentario ci si pone l’obiettivo di raggiungere la massa critica e porre fine a questa manipolazione massiccia del pianeta, delle sua biosfera e delle nostre vite.

 

Il Trailer del nuovo film

I FILM PRECEDENTI

Cosa stanno spruzzando in tutto il mondo?
Titolo originale: What In The World Are They Spraying

USA, 2010 – 97 minuti
di Michael J. Murphy

Molti hanno visto croci nel cielo e intrichi di nuvole artificiali: queste scie si estendono da orizzonte ad orizzonte, velando il cielo con una nebbia lattiginosa. La nostra intelligenza ci dice che non sono scie di vapore generate da motori a reazione. Questo video traccia la storia di un settore in rapido sviluppo, la Geo-ingegneria, un’attività criminosa perpetrata da scienziati, imprese e governi intenti a modificare il clima globale, controllare il meteo, alterare la composizione chimica del suolo e dell’acqua, tutti fini perseguiti presumibilmente per il “bene” dell’umanità. Nonostante gli interessati  affermino che tali programmi sono solo in fase di discussione, in realtà vi sono numerose prove utili a dimostrare in modo inoppugnabile che queste operazioni risalgono almeno alla metà degli anni ’90 del XX secolo. L’effetto è stato, e tuttora lo è, devastante per le colture, la fauna, la flora e la salute umana. Siamo avvelenati con sostanze mortali, senza il nostro consenso e, per aggiungere al danno la beffa, ci mentono spudoratamente sulle scie tossiche che chiamano “contrails”.

Sito web originale:www.whatintheworldaretheyspraying.info

 

 

Perché stanno spruzzando in tutto il mondo?

Titolo originale: Why in the World are They Spraying

USA, 2012 – 72 minuti

di Michael J. Murphy

“Why in the World are They Spraying?” è un documentario d’inchiesta che analizza uno dei possibili motivi nascosti legati alle scie chimiche e ai programmi di geo-ingegneria. I numerosi “gruppi” che potrebbero tranquillamente perseguire questi scopi, perché lo fanno e cosa ci guadagnano? Questo film è la seconda parte del documentario What In The World Are They Spraying? che per primo ha mostrato gli effetti dannosi delle scie chimiche e degli altri programmi di geo-ingegneria.
Le persone che si sono rese conto di “cosa” sta succedendo, hanno cominciato a porsi una domanda ancora più importante: “perché” ciò stia accadendo. Michael J. Murphy, creatore e co-produttore di What In The World Are They Spraying?, in collaborazione con Barry Kolsky, hao prodotto questo secondo documentario per rispondere a tale domanda. Il film denuncia le conseguenze dei programmi di geo-ingegneria per la salute umana e l’ambiente, come la geo-ingegneria può essere utilizzata per controllare il clima, quali industrie beneficiano dei programmi di geo-ingegneria, come le scie chimiche influiscono su di noi e sul futuro dell’umanità. Ad esempio, si illustra il funzionamento delle tecniche di aerosol nei nostri cieli in combinazione con altre tecnologie per controllare il clima. I geo-ingegneri sostengono che questi modelli servono a mitigare il riscaldamento globale, ma ciò che è chiaro è che la scie chimiche e la geo-ingegneria possono essere usate come un mezzo per consolidare un grande potere sia monetario che politico nelle mani delle élite tecnocratiche. Alcune aziende internazionali possono ora sfruttare il controllo del clima per guadagnare potere rispetto ai sistemi naturali della Terra.
Originale:www.whyintheworldaretheyspraying.com

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.